Mutui Usa, domande in crescita del 2,6% su base settimanale

Mortgage 5Negli Stati Uniti la domanda settimanale di mutui per l’acquisto di abitazioni è salita del 2,6% dopo essersi attestata ai minimi da 13 anni alla fine dell’anno appena concluso. Lo rilevano gli ultimi dati diffusi dalla Mortgage bankers association, che ha diramato i risultati delle indagini relative alle ultime due settimane, recuperando così la mancata diffusione delle cifre nel corso delle festività natalizie e della fine dell’anno.

Nella settimana conclusa il 27 dicembre l’indice si è attestato a 336,4 punti, il livello più basso dal dicembre del 2000.

Parallelamente il tasso fisso medio dei prestiti immobiliari a 30 anni ha raggiunto il 4,51%, in contrazione rispetto al 4,53% della settimana precedente ma in netto aumento rispetto al 3,4% di un anno prima.

Per i finanziamenti a 15 anni il tasso il tasso medio ha toccato il 3,56%. Era al 3,55 la settimana precedente e al 2,66% nel 2013.

Ancora, il tasso dei mutui variabili a cinque anni ibridi indicizzati al Tesoro, i cosiddetti Arm, è salito al 3,15% dal 3,05 di sette giorni prima e dal 2,67 dell’anno precedente. Per lo stesso genere di prestiti a un anno, il tasso medio è rimasto invariato su base settimanale al 2,56%, contraendosi in confronto al 2,6% di 12 mesi fa.

Mutui Usa, domande in crescita del 2,6% su base settimanale ultima modifica: 2014-01-09T18:35:11+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: