Mutui Usa, richieste in crescita dell’1,3% nell’ultima settimana

Mortgage 2Nella settimana conclusa il 30 gennaio le domande di mutuo e di rifinanziamento da parte delle famiglie statunitensi hanno registrato un leggero incremento. Secondo quanto reso noto dalla Mortgage bankers associations, l’indice delle richieste è salito dell’1,3% mentre l’indice relativo alle domande di rifinanziamento ha segnato un incremento del 2,5%.

Nella sua prima riunione dell’anno il Federal open market committee, il braccio di politica monetaria della Federal reserve, ha lasciato i tassi di interesse allo 0-0,25%, livello a cui si trovano dal dicembre del 2008. Il Fomc ha spiegato che non è previsto alcun rialzo dei tassi fino a giugno e che la banca avrà un atteggiamento “paziente”, considerato che il mercato si espande con un ritmo solido e che la situazione occupazionale sta migliorando. Per quanto riguarda l’inflazione, le previsioni indicano che nel breve periodo è destinata a scendere con il calo dei prezzi energetici, per tornare in seguito a salire.

“L’inflazione è scesa e potrebbe scendere ancora ma dovrebbe crescere nel medio termine per via del miglioramento del mercato del lavoro e dell’affievolirsi degli effetti temporanei del calo dei prezzi dell’energia”, hanno scritto gli esperti della Fed, aggiungendo che “I rischi per il mercato del lavoro e per l’economia rimangano bilanciati”.

Mutui Usa, richieste in crescita dell’1,3% nell’ultima settimana ultima modifica: 2015-02-06T13:46:24+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: