Mutui Usa: tassi in crescita, domande in calo

Come sottolineato dall’associazione, il tasso fisso dei mutui a trent’anni si è attestato la settimana scorsa intorno al 4,07%, in crescita rispetto al 3,9% della precedente, toccando il livello più alto dall’aprile del 2012 e segnando l’incremento settimanale maggiore degli ultimi due anni. Quello dei finanziamenti a 15 anni è passato dal 3,1 al 3,2%, il più elevato dal giugno scorso.

Analogo trend per i tassi dei mutui con jumbo-loan balances, cresciuti dal 4,07 al 4,2%, il livello maggiore da maggio del 2012, e per quelli trentennali finanziati dalla Federal housing administration, saliti dal 3,62 al 3,76%.

In risposta agli aumenti, il market composite index del Mba è calato dell’11,5% su base destagionalizzata, mentre l’indice di rifinanziamento è diminuito del 15%, raggiungendo il livello più basso dal novembre 2011, e l’indice destagionalizzato d’acquisto si è ridotto del 2%.

Gli esperti ritengono che la diminuzione delle domande di prestito sia una conseguenza diretta dell’incremento dei tassi, anche se, secondo la maggior parte degli addetti ai lavori, è ancora presto per poter dire se questo andamento andrà a consolidarsi nei prossimi mesi.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Mutui Usa: tassi in crescita, domande in calo ultima modifica: 2013-06-06T15:04:29+00:00 da Paolo Tosatti

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: