MutuiOnline, prevale ancora il variabile ma aumentano le erogazioni a tasso fisso

Per la precisione, è a tasso variabile il 73,5% dei finanziamenti distribuiti fino a novembre dal broker: per il 26,6% si tratta di mutui con tetto massimo (in diminuzione dal 29,8% del primo semestre dell’anno) e per il 46,9% senza cap (in lieve aumento dal 46,5% del periodo precedente).
Diminuiscono i finanziamenti a tasso misto (dal 4,8% al 2,5%), mentre passano dal 19,8% al 24% quelli a tasso fisso.

La domanda
Si inverte il trend della richiesta rispetto al semestre precedente. Aumenta l’esigenza di proteggersi dalle fluttuazioni del mercato da parte dei clienti, che desiderano il fisso nel 46,4% dei casi rispetto al 25,9% del passato semestre. Scende invece la percentuale di chi vorrebbe il variabile, dal 52,5% al 35,6%, e il variabile con cap, dal 18,5% al 14,8%. Relativamente stabile l’andamento del misto, che sale al 3,2% dal 3,1%.

Le altre caratteristiche
Continua ad aumentare l’importo medio dei finanziamenti ipotecari erogati da MutuiOnline: nel secondo semestre 2010 è stato pari a 133.947 euro, contro i 132.598 dei primi sei mesi, e i 130.326 dello stesso periodo del 2009. Per quanto riguarda il loan to value, il 31,6% dei mutuatari richiede un finanziamento pari al 70%-80% del costo dell’immobile.

MutuiOnline, prevale ancora il variabile ma aumentano le erogazioni a tasso fisso ultima modifica: 2010-12-20T08:18:34+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: