Nuova Banca Marche, riaprono le filiali di Cingoli e Pieve Torina

Banca Marche LogoA poco più di un mese dall’ultima grande scossa di terremoto del 30 ottobre riaprono le filiali Nuova Banca Marche di Cingoli e Pieve Torina, quest’ultima in via provvisoria ospiterà anche la filiale di Visso. Si tratta delle prime filiali Nuova Banca Marche che riaprono nei locali lesionati dal terremoto e resi di nuovo agibili grazie a lavori straordinari di messa in sicurezza. A seguire, entro la metà di dicembre, riaprirà la filiale di Pioraco mentre per Camerino, Caldarola, Fiastra e Muccia sempre nel mese di dicembre si provvederà a installare quattro container che fungeranno da filiale, vista l’impossibilità di recuperare i vecchi locali nel breve periodo. A Camerino il container sarà collocato nel parcheggio di via Santoni, mentre il container situato a Muccia ospiterà provvisoriamente anche la filiale di Pievebovigliana. Per le filiali di San Ginesio, Ussita, Castel Sant’Angelo sul Nera e Monte San Vito sono in corso le valutazioni per la soluzione più idonea.

Nuova Banca Marche ha anche stanziato un plafond da 20 milioni di euro per prestiti a condizioni agevolate a favore di famiglie e imprese colpite dal terremoto. Una quota di 5 milioni del plafond è riservato alle aperture di credito in conto corrente con procedura di istruttoria semplificata e poteri delegati ai direttori delle agenzie per fornire risposte rapide alla clientela. Fra i prodotti di finanziamento proposti ci sono linee di credito per esigenze di liquidità e per i primi interventi di riparazione e ricostruzione.

Articoli che potrebbero interessarti:

Nuova Banca Marche, riaprono le filiali di Cingoli e Pieve Torina ultima modifica: 2016-12-06T18:33:19+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA