Nuova proposta di Compass in partnership con il gestore di telefonia mobile 3 Italia

Compass  S.p.A., la finanziaria del credito alle famiglie del Gruppo Mediobanca, insieme a 3 Italia, primo operatore mobile al mondo ad aver lanciato i servizi UMTS nel 2003, hanno realizzato una partnership che darà l’occasione ai consumatori di accedere più facilmente all’acquisto di telefoni cellulari di ultima generazione a condizioni estremamente vantaggiose.

{jcomments on}

La proposta di Compass e 3 Italia prevede la possibilità di acquistare un videofonino top di gamma pagando 23 piccole rate mensili più la maxi-rata finale, che verrà successivamente rimborsata da parte di 3 Italia. Tale opzione, valida sia per i piani tariffari “Ricaricabili” sia per gli Abbonamenti “Zero Top”, è una formula inedita che permette ai clienti più fedeli di acquistare un telefonino top di gamma ad un prezzo inferiore a quello del listino, abbattendo così le soglie di ingresso nel nuovo mondo dei servizi mobili avanzati.

Un’iniziativa, questa, di grande importanza per un Paese come l’Italia, dove, il telefonino è uno strumento d’uso quotidiano ormai radicato nelle abitudini e nel costume della maggioranza della popolazione italiana: infatti, secondo i dati dal Rapporto Censis/Ucsi sulla comunicazione, dal 2000 al 2009 gli utenti di telefoni cellulari sono aumentati del 12,2% con una diffusione d’utilizzo che coinvolge ben l’85% della popolazione.

“Questa iniziativa congiunta con 3 Italiaconferma una nota della società del Gruppo Mediobanca – sottolinea l’impegno di Compass per migliorare la qualità della vita delle famiglie italiane favorendo e sostenendo la diffusione dell’innovazione. Strumenti di telefonia mobile ad alto contenuto tecnologico come quelli proposti da 3 Italia infatti possono essere particolarmente utili in caso di viaggi e trasferte, garantendo una comunicazione diretta e vivida con i propri affetti. Una partnership che ribadisce come le due società desiderino offrire, con la migliore soluzione di pagamento, prodotti ad alto valore aggiunto”.