Oam: agenti e mediatori, collaboratori under 30 aumentati del 29% rispetto al 2019

Il numero di collaboratori under 30 di agenti e società mediazione creditizia è cresciuto del 29% nel primo semestre del 2022 rispetto allo stesso periodo del 2019. Lo ha comunicato l’Organismo agenti e mediatori (Oam) lo scorso 29 luglio tramite un approfondimento nel secondo numero del proprio magazine.

L’Organismo precisa che il numero di collaboratori di agenti e società mediazione creditizia che nel primo semestre 2022 ha ottenuto l’iscrizione al registro tenuto dall’Oam è pari a 2.984 unità, di cui 778 rientrano nella fascia di età 18-30. “Analizzando il trend di iscrizioni dei collaboratori nei primi sei mesi di ciascun anno, è possibile notare come i collaboratori con meno di 30 anni hanno fatto registrare un maggior tasso di crescita pari a 29% rispetto al primo semestre 2019. Inoltre, la fascia under 30 risulta l’unica ad aver aumentato in modo considerevole nel primo semestre 2022 rispetto al primo semestre 2019 il proprio peso percentuale sul totale delle nuove iscrizioni (+6%)”, precisa il rapporto.

Entrando nel dettaglio delle singole categorie, il peso delle iscrizioni nel primo semestre 2022 dei giovani collaboratori di agenti in attività finanziaria con meno di 30 anni è cresciuto di 3 punti percentuali rispetto al 2021 e di 6 punti percentuali rispetto a quanto registrato nel primo semestre 2019. Il peso delle iscrizioni nel primo semestre 2022 dei collaboratori under 30 di agenti nei servizi di pagamento è cresciuto di 7 punti percentuali rispetto al 2021 e di 4 punti percentuali rispetto a quanto registrato nel primo semestre 2019. In crescita anche il peso delle iscrizioni dei collaboratori under 30 di società di mediazione creditizia: +3% rispetto al 2021 e +7% rispetto a quanto registrato nel primo semestre 2019

Sembra centrato l’obiettivo perseguito dall’Oam attraverso l’esenzione per l’anno in corso dei giovani sotto i 30 anni dal pagamento della quota di iscrizione – si legge nell’articolo -. In base all’analisi svolta dall’ufficio studi dell’Organismo, per tutte le categorie interessate (agenti, agenti che prestano esclusivamente servizi di pagamento, collaboratori e dipendenti nella stessa fascia d’età di Agenti e società di mediazione) il peso percentuale delle nuove iscrizioni nel primo semestre 2022 della categoria under 30 è risultato sensibilmente aumentato rispetto a quanto registrato negli anni precedenti. Se i risultati venissero confermati per l’intero anno la categoria di agenti e mediatori potrebbe contare su un numero consistente di ‘nativi digitali’ e affrontare meglio le sfide poste dall’innovazione finanziaria”.

Con riferimento alla distribuzione territoriale, la maggiore concentrazione di agenti in attività finanziaria under 30, che hanno ottenuto l’iscrizione agli elenchi gestiti dall’Organismo nel primo semestre 2022, viene registrata in Campania (17%), seguita da Lombardia (13%), Puglia e Sicilia, per quest’ultime le percentuali si attestano rispettivamente al 12% e 9%.

Il numero di agenti nei servizi di pagamento che nel primo semestre 2022 ha ottenuto l’iscrizione, e che risultano al momento iscritti con lo stato di operatività e non operatività, all’elenco tenuto dall’Oam è pari a 154 unità, di cui il 27% (42 agenti) rientrano nella fascia di età 18-30. Come evidenziato nella tabella sopra riportata, il peso percentuale della prima fascia di età nei primi sei mesi del 2022 risulta nettamente superiore rispetto a quanto riscontrato negli anni precedenti. In particolare, il peso delle iscrizioni nel primo semestre dei giovani agenti ip è cresciuto di 3 punti percentuali nel 2022 rispetto al 2019, e di 9 punti percentuali rispetto allo scorso anno.

Per quanto concerne la distribuzione territoriale, la maggiore concentrazione di agenti under 30 che prestano esclusivamente servizi di pagamento, che hanno ottenuto l’iscrizione agli elenchi gestiti dall’Organismo nel primo semestre 2022, viene registrata in Lombardia ed Emilia-Romagna (17%), seguita da Lazio e Veneto, per quest’ultime le percentuali si attestano rispettivamente al 12% e 11%.