Officine Cst, emesso primo minibond

59

Officine Cst LogoOfficine Cst s.p.a., società che fornisce servizi integrati di gestione del credito a clienti del settore finanziario, alle multiutilities e a pmi fornitrici di beni e servizi, ha annunciato l’emissione del suo primo minibond.

Il prestito obbligazionario di tipo unsecured, spiega una nota, ha un importo di 4 milioni di euro, scadenza dicembre 2021, e una cedola annuale fissa del 2.35%. Il capitale sarà rimborsato a scadenza mentre gli interessi maturati saranno corrisposti su base semestrale.

Lo strumento finanziario è ammesso alle negoziazioni sul segmento professionale del mercato ExtraMOT PRO3 dal 9 dicembre 2019. L’emissione è stata sottoscritta integralmente dal fondo “Amundi Progetto Italia” gestito da Amundi Sgr s.p.a. ed avrà la finalità di sostenere la crescita dell’azienda nelle sue attività caratteristiche di gestione ed investimento nei crediti problematici.

“L’emissione del mini bond si inserisce perfettamente nel processo di rafforzamento della struttura finanziaria ed operativa di Officine Cst – ha sottolineato Gianpiero Oddone, amministratore delegato di Officine Cst -.Consentirà all’azienda di incrementare, a beneficio dei clienti, l’impegno nella gestione di crediti sia performing che non-performing derivanti da finanziamenti bancari e da forniture verso la pubblica amministrazione italiana, i privati e le imprese, anche in procedura concorsuale. Consentirà inoltre di disporre di risorse finanziarie per supportare la clientela con soluzioni di deconsolidamento dei propri crediti problematici, che possono essere acquistati da società di cartolarizzazione appositamente costituite”.

Officine Cst nasce nel 2004 e gestisce crediti sia performing che non-performing derivanti da forniture verso pubbliche amministrazioni, da forniture verso il mercato retail e corporate, da procedure concorsuali e crediti non-performing bancari (npl). L’azienda vanta tra i propri clienti alcune delle principali utilities italiane, istituti finanziari, veicoli e fondi di investimento nazionali e internazionali, large corporate e pmi. Officine opera attraverso risorse specializzate e un network consolidato di avvocati con un’esperienza maturata su oltre 18 miliardi di euro di crediti gestiti. La società inoltre investe, attraverso spv, in crediti non performing verso il mercato pa, retail e corporate. Uno dei maggiori punti di forza dell’azienda è la capacità di ingegnerizzare i processi, gestiti attraverso piattaforme informatiche proprietarie disegnate in base alle esigenze dei desk operativi. Nel 2018, il fondo di investimento statunitense Cerberus Capital Management, che gestisce 42 miliardi di dollari di asset in tutto il mondo, ha acquisto il 57% del capitale dell’azienda.

Eidos Partners, società di consulenza finanziaria indipendente specializzata nelle operazioni di finanza straordinaria, ha agito in qualità di sole advisordel Fondo Amundi Progetto Italia e di strutturatore dell’operazione. Lo studio Gatti Pavesi Bianchi, l’avvocato Claudia Ricchetti, Elena Chibardin e lo Studio Ls Lexjus Sinacta con il partner Antonguido Nardone, hanno assistito l’emittente per i profili legali e societari concernenti la strutturazione dell’operazione, l’ammissione delle obbligazioni sul segmento professionale del mercato ExtraMOT e il collocamento del prestito.