Officine Cst: utile 2020 26 mln. Chicco Testa entra nel cda

Officine Cst LogoOfficine CST, servicer specializzato nella gestione di crediti performing e non performing verso la pubblica amministrazione ed il mercato retail e corporate, in particolare nel segmento master legal, ha chiuso il bilancio consolidato 2020 con un utile di 26 milioni di euro. Lo rende noto la società, che sottolinea come l’importante crescita rispetto all’anno precedente, quando aveva registrato un utile di 7,7 milioni di euro, sia da attribuire sia all’attività di investimento che a quella di servicing.

Il patrimonio netto consolidato è salito a complessivi 46,9 milioni di euro, dai 21,2 milioni di euro riferibili al 2019. Il totale attivo ha superato i 90 milioni ed è frutto principalmente dell’attività di investimento in crediti verso le pubbliche amministrazioni e procedure concorsuali.

Una crescita solida, quella di Officine Cst, che dal 2018 è controllata dal fondo americano Cerberus ed è guidata da Roberto Nicastro, confermato presidente dall’assemblea dei soci tenutasi il 26 maggio scorso come presidente anche per il prossimo triennio. Giuseppe Vegas e Gianfranco Mattei ne sono vicepresidenti.

L’assemblea ha inoltre nominato come nuovo consigliere Chicco Testa, già presidente di Enel e Sorgenia, e profondo conoscitore del settore energy, nel quale Officine CST è leader di mercato nei servizi di gestione del credito nel mercato pubblico e privato.

Siamo molto soddisfatti dei risultati raggiunti – ha dichiarato Roberto Nicastro -. La società sta crescendo e diversificando la base clienti, con ottime performance su tutti i portafogli in gestione. Questo malgrado un anno per tutti assai complicato e grazie alla dedizione del management e di tutta la struttura. Siamo poi onorati dell’ingresso di Chicco Testa nel cda di Officine CST nella convinzione che la sua esperienza e conoscenza del mercato daranno un contributo importante”.

Infine, il consiglio del 22 giugno ha nominato Paolo Gesa vice direttore generale. Paolo Gesa è entrato come direttore commerciale un anno fa dopo una ultradecennale esperienza nel settore bancario.

“Il percorso di crescita della società, ormai ben avviato sarà reso ancora più robusto con l’implementazione di nuove linee strategiche sia sul servicing dei crediti che sugli investimenti target. Grande attenzione allo sviluppo della nuova piattaforma che sfrutterà molto l’intelligenza artificiale”, ha concluso il ceo Gianpiero Oddone.