Oro da investimento, Cofinvest: ricavi record a 41 mln nel 2020

Quasi raddoppiati nel 2020 i ricavi di Confinvest, società market dealer di oro fisico da investimento e pmi innovativa quotata su Aim Italia. Lo rende noto l’azienda con un comunicando, precisando che lo scorso anno i ricavi si sono attestati a circa 41 milioni di euro, in deciso aumento rispetto ai 27,3 milioni di euro registrati al 31 dicembre 2019.

La compagnia spiega che il notevole incremento, in continuità con la crescita registrata nell’ultimo triennio, è legato alla crescita dei volumi del business tradizionale e allo sviluppo dei nuovi prodotti (piano di accumulo e servizio di custodia di oro fisico), nonché al rafforzamento del brand e alla strategia di multicanalità, confermata anche dalla continua crescita dell’e-commerce, che contribuisce con una quota pari al 10% (5% nel 2019). 

“L’oro continua a rappresentare un’asset class sicura che, anche in forza della situazione macroeconomica globale, funge sempre più da bene rifugio per eccellenza – si legge nella nota stampa -. Per supportare la forte crescita di domanda di oro anche da parte della clientela retail e, unitamente, favorire l’adozione delle più innovative soluzioni fintech di open banking, nel mese di agosto è avvenuto il go-live di Conto Lingotto®: dal lancio della soluzione sono stati aperti 2.000 account e sottoscritti circa 150 Piani di Accumulo. Questa prima fase di utilizzo ha consentito la raccolta da parte del mercato di feedback utili al miglioramento della soluzione”.

Il 65% dei ricavi si riferisce alla negoziazione di oro fisico da investimento sotto forma di monete d’oro (sterline, marenghi, krugerrand, dollari Usa, corone, ecc.), mentre il 35% si riferisce alla negoziazione di lingotti d’oro certificati dalla Lbma. Di questi ricavi, quelli realizzati all’estero (principalmente Austria e Svizzera) sono pari a 2 milioni di euro (5% del totale).

Il canale bancario rappresenta il 6% circa dei ricavi, in linea con il 2019 (circa 7%), mentre l’e-commerce contribuisce con una quota pari al 10% (5% nel 2019).  Il canale diretto, che beneficia del presidio online per la canalizzazione delle richieste, rappresenta l’84%, rispetto all’88% del 2019.

 “Chiudiamo un anno da record per Confinvest. Nel 2020 abbiamo raggiunto, unitamente al lancio di Conto Lingotto®, importanti obiettivi strategici in termini di vendite, acquisti e sottoscrizioni di Piano di Accumulo in oro fisico – dichiara Giacomo Andreoli, amministratore delegato di Confinvest. Questi ottimi risultati sono stati ottenuti grazie al commitment e all’impegno di tutta l’organizzazione. Il nostro approccio, basato sulla digital transformation del modello organizzativo e dei presidi, crea le basi per un’ulteriore scalabilità del business. Le strategie possono ora essere focalizzate sulla crescita dei volumi grazie a specifici accordi strategici con primari player del settore finanziario e non solo. La grande flessibilità che la nostra azienda ha dimostrato di avere nel corso degli ultimi anni ci consente di adeguare la nostra strategia di crescita alle evoluzioni del mercato e dell’ecosistema economico-finanziario legate a fattori esogeni, come avvenuto nel 2020”.