Osservatorio Compass, continua l’ottimismo sulle vendite attese

Compass LogoContinua l’ottimismo nei confronti delle vendite attese con una fiducia trasversale in tutti i settori. Secondo i dati del quarto Osservatorio Compass sui venditori convenzionati, il 40% degli intervistati si aspetta una ripresa e anche nel settore dell’arredamento, che ha risentito maggiormente del periodo di difficoltà, il 37% dei rispondenti prevede una crescita del business.

Lo studio sottolinea che in realtà il dato è in leggero calo rispetto a quello di inizio anno, quando ad attendere un periodo di vendite in crescita era il 46% degli intervistati.

“Questo dato va inquadrato nell’andamento particolarmente positivo del 2015 – ha spiegato Francesco Caso, direttore generale di Compass – con una ripresa del 16,1% negli importi finanziati, pari a 15 miliardi di euro: una crescita mai registrata dal 2010”.

Il settore della mobilità come sempre fa da traino, in crescita del 18,4%, seguito dall’elettronica con un +11,8%. Ma è il settore dell’arredamento a registrare il trend di maggior successo rispetto al passato: con una crescita dell’11,1% recupera gran parte del gap accumulato nel corso degli ultimi anni.

Il credito al consumo continua a ricoprire un ruolo di importanza primaria negli acquisti: il 54% dei clienti che hanno finanziato un acquisto avrebbe rinunciato a effettuare la spesa senza questa alternativa. Più del 25% avrebbe, invece, rimandato l’acquisto.

“Il nostro osservatorio conferma nuovamente che il credito al consumo ricopre un ruolo di fondamentale importanza per supportare le vendite di tutti i settori – ha aggiunto Caso -. Oltre ai clienti che senza il supporto di questi servizi rinuncerebbero all’acquisto, infatti, cresce anche il numero di clienti che lo rimanderebbe nel tempo: nel settore dell’arredamento questa percentuale sale addirittura al 34%.”.

Consulta l’Osservatorio Compass

 

Osservatorio Compass, continua l’ottimismo sulle vendite attese ultima modifica: 2016-04-13T16:23:23+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: