Osservatorio MutuiOnline.it: Mutui, con i tassi ai minimi cresce l’importo medio richiesto

36

Mutuionline LogoNell’ultimo anno, complice la politica monetaria ultra-espansiva della Banca centrale europea, i tassi medi di mercato sono scesi sensibilmente, raggiungendo valori medi pari a 1,62% per il fisso e allo 0,87% per il variabile. Ma è tra agosto e settembre che alle famiglie italiane si sono presentate le migliori occasioni. Soprattutto per quanto riguarda il tasso fisso, che ha raggiunto ad agosto il minimo storico a 1,17% (a gennaio era all’1,94%), per poi risalire leggermente all’1,27% il mese successivo (il variabile, invece, è oscillato poco durante l’anno, per attestarsi a settembre allo 0,86%). Come rileva lultima edizione dell Osservatorio di MutuiOnline.it, oggi a Milano si può chiedere un mutuo di 100.000 per acquistare una casa che ne vale 200.000 e pagare a 10 anni un Taeg fisso dello 0,82% per una rata mensile di 855 euro. Interesse che sale fino allo 0,98% (per una rata di 313 euro al mese) se si estende la durata del finanziamento a 30 anni. Utilizzando gli stessi parametri per un mutuo a tasso variabile, invece, a 10 anni si pagherebbe un Taeg dello 0,50% (841 euro di rata mensile) e a 30 anni dello 0,62% (291 euro di rata mensile).

Il basso costo del finanziamento permette secondo l Osservatorio di MutuiOnline.it di richiedere importi più elevati a parità di rata, evitando così di indebitarsi maggiormente. In particolare, l’importo medio richiesto per il mutuo è schizzato a 143.153 euro, contro i 131.000 di fine 2018 e i 125.000 di inizio 2015 (allora i tassi fissi e variabili viaggiavano rispettivamente intorno al 3,5% e al 2%). Anche l’erogato medio è salito: 128.256 euro quest’anno, contro i 127.787 del 2018 e i 116.429 di cinque anni fa.

A conferma della tendenza, le richieste di mutui per la classe di importo compresa tra i 100mila e 150mila rappresentano quest’anno il 33,5% del totale, contro il 31,8% dello scorso anno. In crescita anche la quota di mercato delle classi 150mila-200mila (17,6% rispetto al 15,6% del 2018) e oltre 200mila (12,1% contro il 10,2%). Calano, invece, le fasce 50mila-100mila (31,9% contro il 36%) e meno di 50mila (4,9% contro il 6,4%).