Parte il progetto di integrazione di Navale Assicurazioni

Motivazioni

Il progetto di integrazione, previsto nel piano industriale 2010 – 2012 del Gruppo Ugf, è funzionale agli obiettivi di rafforzamento del core business assicurativo di Ugf Assicurazioni, in cui opereranno le rispettive divisioni Unipol, Aurora e Navale, al fine di conseguire i benefici economici derivanti dal consolidamento di strutture operative oggi separate e dall’ulteriore recupero di efficienza dei processi. Grazie alla fusione saranno salvaguardati gli interessi degli azionisti terzi di Navale, circa 210, titolari di una quota complessivamente pari allo 0,17% del capitale sociale, che riceveranno azioni ordinarie e privilegiate Unipol, quotate sul Mercato telematico azionario.

Principali passaggi

I principali passaggi in cui si articola l’operazione sono: (1) il conferimento dell’azienda assicurativa di Navale a favore di Ugf Assicurazioni e (2) la fusione di Navale in Ugf.

Il rapporto di cambio della fusione, deliberato dai consigli di amministrazione prevede l’assegnazione agli azionisti terzi di Navale di numero 0,846 azioni ordinarie e numero 0,521 azioni privilegiate Unipol, tutte prive di valore nominale, per ogni azione ordinaria Navale dagli stessi detenuta. In tale ipotesi, Ugf emetterà massime n.135.601 nuove azioni ordinarie e massime n.83.508 nuove azioni privilegiate Unipol, pari rispettivamente allo 0,0064% delle azioni ordinarie e delle azioni privilegiate in circolazione all’esito dell’aumento di capitale.

Tempistiche

Sulla base delle valutazioni preliminari svolte dai consigli di amministrazione, si prevede di poter concludere l’operazione, subordinatamente all’ottenimento delle necessarie autorizzazioni da parte delle autorità competenti, entro il corrente esercizio, con presumibile efficacia civilistica, contabile e fiscale dal primo gennaio 2011.

Parte il progetto di integrazione di Navale Assicurazioni ultima modifica: 2010-06-30T07:00:00+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: