PattiChiari e Cassa di Risparmio del Veneto condannate dal Tribunale di Verona per obbligazioni Lehman Brothers

Patti Chiari LogoPattiChiari e Cassa di Risparmio del Veneto sono state condannate dal Tribunale di Padova nell’ambito dell’investimento in obbligazioni Lehman Brothers.

Finanziaria Aps S.p.a., assistita dallo studio Legale Spinazzi Azzarita Troi di Padova e dai consulenti tecnici di Consultique S.p.a. di Verona, ha reso noto che il Tribunale di Padova, con sentenza pubblicata in data 23 aprile 2015, ha condannato il Consorzio PattiChiari e la Cassa di Risparmio del Veneto S.p.a., in qualità di consorziata, a risarcire i danni provocati a causa della mancata tempestiva espulsione dall’elenco delle obbligazioni a basso rischio e basso rendimento, gestito dal Consorzio, dei titoli della Lehman Brothers Holding.

In base alla decisione, si legge in una nota, i titoli avrebbero dovuto essere espulsi dall’elenco, con avviso all’investitrice, già nell’aprile dell’anno 2008. La mancata espulsione e l’assenza di corrette informazioni sulla rischiosità dell’investimento hanno impedito a Finanziaria Aps S.p.a. di valutare l’inadeguatezza dell’investimento al proprio profilo di rischio e conseguentemente di vendere i titoli quando ciò era ancora possibile.

Si tratta di un precedente storico, che ha qualificato la responsabilità del Consorzio PattiChiari come contrattuale, essendo stati violati espliciti obblighi di informativa assunti nei confronti di tutti i risparmiatori italiani.

“La nostra consulenza tecnica è stata determinante per la decisione del Tribunale – ha spiegato Cesare Armellini, ceo di Consultique -. Ancora una volta la consulenza indipendente interviene a tutela dell’interesse degli investitori, sempre più soggetti ai rischi potenzialmente generati dai conflitti d’interessi e dall’inefficienza del sistema finanziario”.

PattiChiari e Cassa di Risparmio del Veneto condannate dal Tribunale di Verona per obbligazioni Lehman Brothers ultima modifica: 2015-04-28T11:45:29+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: