Poste Italiane al lavoro per la tutela degli azionisti di Invest Real Security

Poste Italiane Logo“Al di là del contesto che ci ha visto collocare 4 fondi su 30 con una quota complessiva di circa l’11%, si è trattato di un collocamento di fondi da parte di Sgr terze, quindi senza alcun conflitto di interesse con Poste Italiane. La raccolta in fondi immobiliari ha costituito per noi lo 0,2% della raccolta del 2003 (se parliamo dell’anno di specie di Irs) quindi era un complemento di offerta che andava indirizzato a una clientela che, riguardando la clientela di Poste, non è solo più la clientela dei pensionati che riscuotono la pensione, ma è una clientela molto articolata fatta, sì, anche di pensionati, ma anche di una clientela che nel tempo è equivalente a quella delle banche”. Così a Cuore e Denari, programma in onda su Radio 24, Marco Siracusano, direttore di Bancoposta, ha espresso la posizione di Poste Italiane sul caso emerso di recente dei 4 fondi immobiliari collocati dalle Poste all’inizio del 2000 (Invest Real Security, Obelisco, Europa Immobiliare 1, Alpha).

Il primo, Irs, è venuto a scadenza a fine dicembre 2016 con forti penalizzazioni per i risparmiatori. Poste Italiane ha manifestato la volontà di garantire un ristoro per i sottoscrittori di Investire Real Secutiry, ma anche di altri fondi immobiliari da loro collocati tra il 2000 e 2005 se giungeranno a scadenza con pessime performance. “I tagli medi di investimento sono molto piccoli. Nel caso di Irs sono 2,8 quote. Stiamo parlando di circa 7mila euro, che è il taglio medio di investimento. Su numeri non piccolissimi ci sono dei casi medi e ci sono dei casi di clienti che hanno investito di più – ha spiegato Siracusano -. L’altra cosa importante, visto anche l’eco mediatica che si è scatenata, è ribadire la differenza del ruolo del collocatore da quello della Sgr che è pienamente e unicamente responsabile di tutte le successive attività rispetto al collocamento e acquisto degli immobili, la gestione, la valorizzazione, etc. Nel caso di specie il fondo Irs comunque è un fondo che dal 2003 al 2009 ha rilasciato proventi a beneficio dei consumatori. La bolla immobiliare è un evento sistemico e strutturale del crollo di quella asset class e quindi siamo alla situazione attuale”.