Prestitalia, rafforzata la rete distributiva

Prestitalia LogoPrestitalia, società finanziaria del Gruppo Ubi specializzata nella cessione del quinto, ha rafforzato nel corso del 2015 la propria rete distributiva raggiungendo una diffusione sempre più capillare.

In linea con gli obiettivi del piano industriale, spiega una nota, la crescita del numero di persone dedicate al business della Cessione del Quinto può essere così sintetizzata:

  • è stato avviato un nuovo network, che conta attualmente 16 agenti “ leggeri “ monomandatari che supportano le agenzie bancarie del Gruppo Ubi. Entro la fine del 2016 tali agenti saranno più che raddoppiati, arrivando a circa 40, e gestiranno ciascuno una zona di competenza che comprende 12-15 filiali, con l’obiettivo di raggiungere 75 milioni di erogato, di cui circa 50 milioni segnalati direttamente dalle filiali;
  • sono stati inseriti 7 nuovi agenti tradizionali e oggi sono attivi complessivamente 53 punti operativi presenti nella maggior parte delle regioni italiane;
  • sono stati selezionati e adeguatamente formati 16 dipendenti bancari specializzati nella cessione del quinto che operano presso le filiali curando espressamente la soddisfazione delle esigenze della clientela interessata a questo tipo di prodotto.

“L’introduzione del nuovo network – ha spiegato Luca Carrara, direttore commerciale di Prestitalia – unita allo sviluppo della rete agenti tradizionale e alla formazione di una squadra di dipendenti del Gruppo Ubi operativi presso le filiali, ci stanno consentendo di conseguire gli sfidanti risultati che il piano industriale triennale (2015-2018) ci ha assegnato. Abbiamo inoltre reso il prodotto di cessione del quinto erogato da Prestitalia estremamente semplice, trasparente e confrontabile con tutte le altre forme tecniche di finanziamento alle famiglie mettendo così il cliente in grado di scegliere sempre la soluzione più confacente alle sue esigenze. Questo per noi è ‘Fare Prestitalia per bene’”.

Prestitalia, rafforzata la rete distributiva ultima modifica: 2015-12-29T10:02:44+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: