Prestiti, a giugno rallenta il calo delle erogazioni: meno 0,8% alle famiglie, meno 3,1% alle imprese

Banca Italia LogoA giugno è andato rallentando il calo dei prestiti al settore privato, parallelamente a una frenata della raccolta bancaria. In base alle ultime rilevazioni della Banca d’Italia, i prestiti hanno subito una contrazione su base annua del 2,3%, contro il 3,2% di maggio. Per la precisione, i finanziamenti alle famiglie sono scesi dello 0,8% su base annua (contro l’1% di maggio) e quelli alle società non finanziarie sono diminuiti del 3,1% (contro il 4,7% di maggio).

Il tasso di crescita sui dodici mesi dei depositi del settore privato è stato pari al 2,4% dal 2,7% di maggio. La raccolta obbligazionaria, includendo le obbligazioni detenute dal sistema bancario, è diminuita del 12,1% sui dodici mesi  (-10,8% a maggio). Il tasso di crescita sui dodici mesi delle sofferenze invece è risultato pari al 20,9% (21,7% a maggio).

In lieve calo anche i tassi di interesse sui mutui casa: quelli comprensivi delle spese accessorie, sui finanziamenti erogati nel mese alle famiglie per l’acquisto di abitazioni sono stati pari al 3,55% (3,65 a maggio), quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo al 9,27% (9,35% a maggio).

I tassi d’interesse sui nuovi prestiti alle società non finanziarie di importo fino a 1 milione di euro sono risultati pari al 3,96% (4,18% a maggio); quelli sui nuovi prestiti di importo superiore a tale soglia al 2,44% (2,58% a maggio) e i tassi passivi sul complesso dei depositi in essere sono stati pari allo 0,86% (0,87% a maggio).

Da ultimo, si è ulteriormente ridotto nel mese di giugno il controvalore del portafoglio di titoli di Stato nazionali detenuto dalle banche operanti in Italia. A giugno gli istituti di credito con base in Italia detenevano titoli di Stato nazionali per un controvalore di 399,047 miliardi di euro da 402,878 miliardi di maggio.

Prestiti, a giugno rallenta il calo delle erogazioni: meno 0,8% alle famiglie, meno 3,1% alle imprese ultima modifica: 2014-08-11T11:00:08+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: