Prestiti, Abi: a maggio contrazione del 3,1% su base annua. Record di sofferenze: 133 miliardi

A seguito della crisi in atto, spiega il report, la rischiosità dei prestiti rimane elevata (le sofferenze nette hanno toccato ad aprile 2013 quota 66,4 mld, le lorde 133,3 mld); il rapporto sofferenze nette su impieghi totali è pari al 3,5% ad aprile (3,4% a marzo 2013; 2,6% ad aprile 2012). Laddove si consideri il  rapporto sofferenze lorde su impieghi esso risulta pari al 6,8% ad aprile 2013 (5,5% un anno prima), valore che raggiunge il 12,5% per i piccoli operatori economici (10,4% ad aprile 2012), il 10,6% per le imprese (8,1% un anno prima) ed il 5,9% per le famiglie consumatrici (5% ad aprile 2012).

La dinamica dei finanziamenti a famiglie e imprese si conferma in lieve flessione: la variazione annua è pari a -3,1% a maggio 2013, lo stesso valore di aprile 2013 (cfr. Tabella 1). L’andamento è in linea con l’evoluzione delle principali grandezze macroeconomiche (Pil e Investimenti).

Il rallentamento della dinamica dei prestiti è generalizzato in tutti i principali paesi europei, con l’eccezione della Francia. In particolare, laddove si considerino le dinamiche dell’indice di intensità creditizia, cioè del rapporto tra credito e Pil, in modo da tener conto della diversa intonazione del ciclo reale dei diversi paesi dell’Area Euro, si rileva che nel primo trimestre del 2013 il dato italiano (-0,6%) si colloca non solo al di sopra del dato medio di Area (-1,4%), ma anche al di sopra del dato tedesco (-1,1%) e ovviamente di quello spagnolo (-7,4%). Solo l’esperienza francese presenta connotati migliori (+0,6%).

A maggio 2013, i tassi di interesse sui prestiti sono in ulteriore flessione e sempre su livelli bassi: il tasso medio sul totale dei prestiti è risultato pari al 3,75% (3 centesimi al di sotto del mese precedente e -28 punti base rispetto a maggio 2012). Il tasso medio sulle nuove operazioni di finanziamento alle imprese si è posizionato al 3,55% (dal 3,60%), mentre il tasso medio sulle nuove operazioni per acquisto di abitazioni al 3,67% (dal 3,72% del mese precedente).

Permane negativa, a maggio 2013, la dinamica su base annua delle obbligazioni, cioè della raccolta a più lungo termine (-9,5%, con una riduzione su base mensile in valore assoluto di circa -2 miliardi di euro), mentre l’andamento su base annua della raccolta complessiva (depositi da clientela residente + obbligazioni) rimane positivo (+1,6% a maggio 2013; +1,2% ad aprile 2013). E’ ancora sostenuto l’incremento dei depositi (+7,3% contro +6,9% di aprile 2013).

A maggio 2013 il tasso medio sulla raccolta bancaria da clientela (depositi + obbligazioni + pronti contro termine in euro a famiglie e società non  finanziarie) si è collocato all’1,99% (2,00% ad aprile 2013). Il tasso praticato sui depositi è passato dall’1,14% di aprile all’1,13% di maggio, quello sulle obbligazioni si è attestato al 3,42% (3,43% ad aprile), quello sui PCT è risultato pari al 2,31% (2,33% ad aprile).

Lo spread fra il tasso medio sui prestiti e quello medio sulla raccolta a famiglie e società non finanziarie permane su livelli particolarmente bassi e in diminuzione, a maggio 2013 è risultato pari a 176 punti base, prima dell’inizio della crisi finanziaria tale spread superava i 300 punti. Tale valore risulta 3 punti base inferiore a quanto registrato ad aprile 2013 e 19 punti base al di sotto del valore di maggio 2012.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Consulta l’outlook dell’Abi

Prestiti, Abi: a maggio contrazione del 3,1% su base annua. Record di sofferenze: 133 miliardi ultima modifica: 2013-06-18T15:23:24+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: