Prestiti, Banca d’Italia: a maggio contrazione del 2,4% per quelli al settore privato

Il calo dei prestiti a maggio è il più marcato da aprile dell’ultimo anno. Nello stesso mese la Banca d’Italia tra le principali voci dei bilanci bancari rileva come il tasso di crescita su base annua dei depositi del settore privato si sia attestato al 7,1% (7,2% nel mese precedente) mostrando una sostanziale tenuta, mentre la raccolta obbligazionaria, includendo le obbligazioni detenute dal sistema bancario, è diminuita del 3,4% sui dodici mesi (in calo dal -3,1% di aprile).

Per quanto riguarda le sofferenze viene confermata una crescita sui dodici mesi a maggio pari al 22,3%, lo stesso livello toccato nel mese precedente. I tassi d’interesse sui finanziamenti erogati nel mese alle famiglie per l’acquisto di abitazioni sono stati pari al 3,94%, in linea con il 3,95% di aprile; quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo sono stati invece pari al 9,43% dal 9,48 del mese precedente. I tassi d’interesse sui nuovi prestiti alle società non finanziarie di importo fino a 1 milione di euro sono stati pari al 4,36% – rileva la Banca d’Italia – quelli sui nuovi prestiti di importo superiore a tale soglia sono diminuiti al 2,93% (3,12% ad aprile). I tassi passivi sul complesso dei depositi in essere sono stati pari all’1,09% (1,14% ad aprile).

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Prestiti, Banca d’Italia: a maggio contrazione del 2,4% per quelli al settore privato ultima modifica: 2013-07-10T12:49:51+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: