Prestiti, Banca d’Italia: nei primi quattro mesi dell’anno calo del 4% per quelli alle imprese

Secondo Visco nei primi 4 mesi di quest’anno il calo dei prestiti alle imprese “si è di nuovo accentuato, avvicinandosi al 4% su base annua”, mentre parallelamente “sono diminuiti”, sebbene “in misura minore, anche i prestiti alle famiglie”. il costo del credito risulta invece in crescita: “I tassi bancari attivi rimangono superiori a quelli medi dell’area: di circa un punto percentuale per i prestiti alle imprese e di mezzo punto per i mutui alle famiglie”. Le tensioni nell’offerta di credito “sembrano riguardare, seppure con minore intensità, anche imprese con condizioni finanziarie equilibrate” e naturalmente “sono accentuate per le aziende medio piccole, meno in grado di ricorrere a fonti di finanziamento alternative al credito bancario”.

In questo contesto “le difficoltà di finanziamento delle imprese devono stimolare una riflessione sull’assetto complessivo del sistema finanziario italiano, sullo scarso sviluppo dei mercati obbligazionari e azionari e sulla conseguente eccessiva dipendenza delle imprese dai prestiti bancari”. Per le aziende solide, con buone prospettiva di crescita, “le difficili condizioni sul mercato del credito bancario costituiscono uno stimolo potente ad accedere al mercato dei capitali. Per le banche, un sistema finanziario sviluppato permette di diversificare le fonti di ricavo, di mantenere un rapporto equilibrato tra impieghi e depositi, di condividere con i mercati i rischi insiti nel finanziamento alla clientela. Anche se occorre fare attenzione ai potenziali conflitti di interesse”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Prestiti, Banca d’Italia: nei primi quattro mesi dell’anno calo del 4% per quelli alle imprese ultima modifica: 2013-06-03T08:19:37+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: