Prestiti, Cdp e Confeserfidi: più garanzie a pmi e professionisti

64

Confeserfidi LogoSalgono fino al livello massimo consentito dalla legge le percentuali delle garanzie sui prestiti concesse alle pmi da Cassa depositi e prestiti (Cdp) e Confeserfidi. A distanza di pochi mesi dalla sottoscrizione del protocollo tra Cdp e Assoconfidi per favorire l’accesso al credito di professionisti e pmi, Cassa depositi e prestiti e la società finanziaria Confeserfidi hanno firmato il primo accordo che rende pienamente operativa l’intesa.

L’intervento permetterà agli associati a Confeserfidi, confidi vigilato dalla Banca d’Italia e iscritto all’albo ex art. 106, di ottenere in tutta Italia l’incremento della percentuale di garanzia concessa dal Fondo di garanzia per le pmi fino al livello massimo consentito dalla normativa di riferimento: l’80% per le operazioni di “garanzia diretta” e il 90% per le operazioni di controgaranzia e riassicurazione.

Siamo lieti di aver avviato per primi questa iniziativa strategica di collaborazione con Cassa depositi e prestiti e, suo tramite, con il Fondo centrale di garanzia per le pmi – ha dichiarato Bartolo Mililli, amministratore delegato di Confeserfidi -. La costituenda sezione speciale Cdp presso il Fondo di garanzia, gestito da Banca del Mezzogiorno mediocredito centrale, rappresenta un ulteriore importante intervento di sostegno alle pmi italiane e ci consentirà di rafforzare ulteriormente l’operatività con il Fondo centrale, proprio grazie all’attivazione di queste efficienti forme di blending tra risorse pubbliche e private, nell’ottica di supportare il tessuto imprenditoriale del Paese. Grazie all’apporto dei nostri capitali privati, sarà possibile rilasciare più garanzie e ancora più robuste e gradite alle banche, per soddisfare a condizioni vantaggiose le esigenze di credito dei professionisti e dei piccoli e medi imprenditori italiani, a supporto della crescita”.