Prestiti, da Intesa SanPaolo 1,25mld di euro per mamme e 50enni

Intesa SanpaoloSono in arrivo 1,25 miliardi di euro in prestiti ad alto impatto sociale, per consentire l’accesso al credito a quei soggetti che non soddisfano i criteri standard delle banche, in particolar modo mamme lavoratrici e imprenditrici e ultracinquantenni con difficoltà di accesso alla pensione. A lanciarli sarà Intesa SanPaolo. L’annuncio è arrivato dall’amministratore e consigliere delegato del gruppo, Carlo Messina, nell’ambito del convegno Intesa Sanpaolo motore per lo sviluppo sostenibile e inclusivo, tenutosi oggi a Milano per presentare risultati e nuove iniziative dell’istituto in ambito sociale.

I due nuovi progetti si chiameranno L’impatto è donna: diamo fiducia e opportunità alle donne, vicine e lontane e Diritto alla pensione e rientreranno nell’ambito del Fondo d’impatto di 250 milioni di euro, che permette di erogare prestiti per 1,25 miliardi di euro e che raccoglie l’eredità dell’esperienza di Banca Prossima, incorporata nel gruppo.

Nel dettaglio, L’impatto è donna si propone di aiutare le neo-mamme lavoratrici a mantenere il lavoro e integrare il reddito personale, di erogare finanziamenti alle giovani madri che vogliono diventare imprenditrici, aprendo una startup e di lanciare un’iniziativa di microcredito dedicata alle donne e alla famiglia in India.

Diritto alla pensione, invece, prevede un finanziamento rivolto agli over 50, in particolare disoccupati prossimi al raggiungimento della pensione o in età pensionabile che non hanno il requisito dei contributi versati, disoccupati che versano volontariamente i contributi a fini pensionistici ma che si trovano a dover interrompere i pagamenti per sopravvenute difficoltà economiche e gli occupati che trovano un accordo di accompagnamento alla pensione con il datore di lavoro.