Prestiti Regno Unito, in arrivo regole più severe

L’annuncio è stato dato al termine di un’indagine durata un anno e condotta dall’Office of fair trading (Oft), che attraverso ispezioni mirate ha passato al setaccio le pratiche commerciali e legali di oltre 50 società specializzate in prestiti payday, che rapppresentano circa il 90 per cento degli operatori del settore.

Quello che è emerso dall’inchiesta è la presenza di problemi ed irregolarità in ogni punto della “filiera del credito”, dalla pubblicità ai tassi applicati, fino ad arrivare alle modalità di riscossione delle somme dovute dai clienti.

Non a caso il settore dei finanziamenti payday era stato oggetto di aspre critiche da parte delle associazioni dei consumatori, preoccupati dalle procedure non ortodosse applicate per l’erogazione del denaro e dai danni economici subiti da persone e famiglie che avevano fatto ricorso a questo genere di prestiti.

“Le nostre indagini hanno rivelato una serie di violazioni di leggi e di regolamenti da parte di tutti gli operatori del settore e non di singole società isolate”, ha spiegato Clive Maxwell, amministratore dell’Oft. “Il mancato rispetto delle regole ha provocato e provoca problemi economici a molti clienti, che vedono montare il costo di un finanziamento in modo inaspettato nell’arco di pochi giorni, senza essere adeguatamente informati”.

Una delle principali irregolarità segnalate riguarda proprio i tassi di interesse, molto spesso infinitamente superiori alla soglia legale. “Al momento – ha aggiunto Maxwell – alcuni payday lender ottengono metà dei loro introiti non dai prestiti in sé, ma dalle penali applicate per i ritardi nei pagamenti”.

Una situazione che le autorità britanniche ritengono non più tollerabile. “Se non vedremo a breve rapidi e significativi cambiamenti nella gestione del settore”, ha minacciato l’amministratore, “tutti gli operatori rischiano di vedersi revocare la licenza”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Prestiti Regno Unito, in arrivo regole più severe ultima modifica: 2013-03-06T12:13:06+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: