Prestiti.it: il 13% di chi chiede un prestito personale è straniero

 

“l ricorso al credito al consumo – dice Marco Giorgi di Prestiti.it – rappresenta un segnale positivo, perché rileva la volontà di integrazione dei cittadini stranieri in Italia: impegnarsi in un investimento e pagare delle rate mensili sono azioni importanti per determinare l’inserimento nel nostro tessuto produttivo. Se c’è ancora difficoltà a rapportarsi direttamente con banche e finanziarie i comparatori online come Prestiti.it aiutano a trovare la soluzione più vantaggiosa in maniera autonoma”.

Stando ai dati, il 68% dei richiedenti sono uomini, contro il 32% delle donne, l’età media è 34 anni a fronte di un prestito che si aggira intorno ai 10.000 euro, da rimborsare in 57 mesi, vale a dire poco meno di cinque anni. Per quanto riguarda la nazionalità, a rappresentare il campione statistico più importante è la comunità rumena: quasi un prestito su due (precisamente il 46,3%) viene richiesto da cittadini nati in Romania.

Va rilevato, inoltre, il grande distacco con le altre due maggiori comunità straniere presenti nel nostro paese: vale a dire quella marocchina e quella albanese, da cui provengono rispettivamente solo il 5,6 e il 4,9% delle domande.

Nella maggior parte dei casi, il finanziamento serve per comprare un’auto (nuova o usata, 35%), per avere nuova liquidità (18%) e ristrutturare casa (11%). Queste le motivazioni che spingono maggiormente gli stranieri in Italia a cercare un prestito personale. Sono finalità che tratteggiano il quadro di una popolazione ben consapevole di come gestire il proprio denaro. La maggior percentuale delle richieste avviene in Trentino, Veneto e Lombardia.

Prestiti.it: il 13% di chi chiede un prestito personale è straniero ultima modifica: 2011-09-27T10:16:18+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: