ProFamily chiude il 2017 con utili in crescita del 21%

ProFamily LogoIl consiglio di amministrazione di ProFamily, società specializzata nel credito al consumo del Gruppo Banco Bpm, ha approvato il progetto di Bilancio dell’esercizio 2017.

“Il 2017 è stato un anno ricco di soddisfazioni per ProFamily – ha dichiarato Massimiliano Becheroni, amministratore delegato uscente di ProFamily – nonostante un contesto economico ancora complesso abbiamo mantenuto sotto controllo la già ottima qualità del portafoglio e abbiamo rilanciato il comparto commerciale. Oltre a questi importati aspetti, gli ottimi risultati sono stati possibili grazie anche al mantenimento di un elevato livello di servizio e a una ottimizzazione dei costi”.

Complessivamente ProFamily ha finalizzato nell’anno 2017 l’erogazione di 79.003 operazioni di finanziamento per un volume totale di € 575,2 milioni, (+16% rispetto allo scorso esercizio), grazie a una puntuale e concreta strategia commerciale e distributiva.

La rete commerciale diretta di ProFamily ha collocato finanziamenti per 460,8 milioni, contro i 371,1 milioni del 2016. Le convenzioni con le fonti d’affari che hanno generato business nel corso dell’anno risultano 2.849. La rete delle agenzie della Capogruppo ha distribuito un volume di prestiti personali e di prodotti di Cessione del Quinto per un totale di 114,4 milioni, registrando una riduzione dei volumi erogati rispetto al 2016 principalmente dovuta alla migrazione sulla nuova piattaforma It.

Per integrare e aumentare il valore della propria offerta, ProFamily ha previsto l’affiancamento di prodotti assicurativi ai prodotti finanziari. Il volume d’affari dei premi assicurativi intermediati nel 2017 ammonta a 16,8 milioni.

ProFamily ha chiuso inoltre l’esercizio 2017 con una rete di 7 sportelli diretti, una rete indiretta di 35 punti vendita e con un organico composto da 105 unità di cui 32 sono localizzate sulla rete commerciale, mentre le strutture centrali assorbono 73 unità.

Il costo del credito a dicembre 2017 (misurato come costo delle svalutazioni rapportato all’outstanding) ammonta a 0,69%, (sostanzialmente stabile rispetto all’esercizio precedente) per effetto dell’attenta selezione delle fonti d’affari effettuata sulla base degli indicatori qualitativi.

“Per il 2018 la società – ha dichiarato Massimo Dorenti, nuovo amministratore delegato e direttore generale di ProFamily – continuerà a focalizzare la propria attività nello sviluppo della rete distributiva che le consenta di essere presente su tutto il territorio nazionale per il conseguimento di un significativo incremento del business. Continuerà inoltre e con maggior impegno a sviluppare sinergie con le banche del gruppo mettendo a disposizione tutte le proprie competenze salvaguardando nel contempo la sua caratteristica peculiare: la genuinità di una ’offerta che non incentivi il sovraindebitamento delle famiglie”.

ProFamily chiude il 2017 con utili in crescita del 21% ultima modifica: 2018-02-13T11:03:36+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: