Promotori finanziari, si riapre la partita sulla doppia iscrizione

“Signora presidente, con l’emendamento 6.302, a mia prima firma, intendo richiamare l’attenzione su un problema specifico, in relazione al quale vorrei esprimere una preoccupazione che riguarda l’intero disegno di legge al nostro esame”, ha spiegato all’aula la senatrice Leddi. “La mia preoccupazione è che questo disegno di legge non vada esattamente nella direzione della semplificazione e della sburocratizzazione, che sembrerebbero essere il denominatore comune teorico di tutti noi”.

Leddi ha sottolineato che in Italia sono attualmente presenti 30.000 promotori finanziari, di cui “22.000, già iscritti all’albo”, e ora gravati da un “obbligo di iscrizione a un ulteriore nuovo organismo, cui devono accedere anche con esame di ammissione”.

“Dal 2007 – ha aggiunto la senatrice – sono sottoposti a una terza registrazione presso un altro organismo, il Rui (Registro unico degli intermediari), con un ulteriore onere. Abbiamo quindi 30.000 persone che per esercitare una professione, volendo essere regolamentate e vigilate, hanno l’obbligo di iscrizione a tre organismi diversi, con tre autorità di vigilanza”.

 

La modifica proposta dalla senatrice, firmata anche dai colleghi Costa (Pdl), Gardiello (Pdl), Gallo (Pdl) e Lannutti (Idv), inserisce nel decreto 141 la seguente aggiunta: “Non costituisce esercizio di agenzia in attività finanziaria la promozione e il collocamento di contratti relativi alla concessione di finanziamenti o alla prestazione di servizi di pagamento da parte dei promotori finanziari iscritti nell’albo previsto dall’articolo 31 del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58”.

In questo modo, se l’emendamento venisse approvato, i promotori finanziari non sarebbero più obbligati a iscriversi all’Oam per esercitare la professione.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Promotori finanziari, si riapre la partita sulla doppia iscrizione ultima modifica: 2012-11-19T16:48:20+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: