Pronte le nuove linee guida dell’Abi per la valutazione degli immobili

La trasparenza e la corretta valutazione degli immobili rappresenta un elemento essenziale per garantire la stabilità dell’industria bancaria sia nelle operazioni di erogazione dei crediti che nelle emissioni/acquisizioni di titoli rivenienti da operazioni di cartolarizzazione e di obbligazioni bancarie garantite – si legge nel documento -. L’esigenza di introdurre una serie di criteri di omogeneità in questa materia è avvertita da tempo a vari livelli, sia con riferimento specifico agli indicatori di superficie o di volume, alle metodologie di valutazione adottate (per capitalizzazione del reddito, per stima comparativa, ecc.) e allo stesso concetto di valore che per il livello di professionalità dei periti incaricati della valutazione”. Come sottolineato dall’associazione, l’obiettivo che si intende perseguire è quello di introdurre principi che consentano di eseguire valutazioni degli immobili a garanzia dei crediti secondo parametri di certezza del prezzo e trasparenza nei confronti di tutti gli stakeholders, sia privati (clienti mutuatari, agenzia di rating, ecc.) che istituzionali (Banca d’Italia, Agenzia del territorio, ecc.), al fine di concorrere a modernizzare il mercato del mortgage credit, rendendolo più efficiente, dinamico e integrato a livello europeo.

Preliminare alla valutazione immobiliare è la definizione del valore di mercato – continua il dossier -. Il Codice di condotta si rivolge al perito che applica lo standard estimativo e redige il rapporto di valutazione. I principi e i concetti generali per svolgere una valutazione immobiliare sono espressamente indicati con riferimenti agli standard internazionali. I requisiti e il contenuto del rapporto di valutazione sono presentati nei termini generali e particolari come indicazioni operative riguardanti anche il tema della documentazione a corredo del rapporto di valutazione”.

Pronte le nuove linee guida dell’Abi per la valutazione degli immobili ultima modifica: 2011-07-08T07:22:00+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: