RE/MAX: aumentano le case in vendita, ma i prezzi restano bassi

Tuttavia, per la prima volta in sei mesi le case in vendita sono superiori rispetto allo scorso anno: una crescita stimata nel 13,1% in rapporto a luglio 2010. Le richieste sempre più rigorose per le concessioni dei finanziamenti, il cattivo andamento dell’economia mondiale e il generale senso di sfiducia tra i consumatori, hanno contribuito a un livello di vendite in ogni caso inferiore agli standard previsti.

Tutto questo a fronte di prezzi che per quanto riguarda le abitazioni sono in calo continuo negli ultimi 13 mesi.

“L’aumento delle case in vendita per la prima volta da un anno a questa parte – ha dichiarato Margaret Kelly, CEO di RE/MAX – è per noi un motivo di grande ottimismo. Non solo, con i prezzi che, pur rimanendo bassi, si sono alzati leggermente il mercato immobiliare sta dando finalmente concreti segnali di ripresa”.

Negli ultimi 12 mesi solo gennaio e luglio hanno mostrato più case in vendita rispetto al 2010. Il dato è importante perché spesso il mese di luglio coincide con una sorta di diffidenza degli investitori e dei consumatori relativamente al mercato immobiliare. Il mese migliore è storicamente giugno, quando infatti si registrano il maggior numero di vendite; a luglio il calo è fisiologico, tant’è vero che, come detto, anche quest’anno è stato evidenziata una diminuzione del 12,7% nelle vendite di case.

Tuttavia 45 delle 53 aree metropolitane analizzate hanno riportato una crescita di vendite rispetto allo scorso anno: Des Moines (+49.9%), Omaha (+46.8%), Milwaukee (+37.7%), Providence (+32.4%) e Wichita (+29%).

Il report di RE/MAX evidenzia anche che a luglio i prezzi delle case hanno mostrato una prima crescita dopo 5 mesi di continuo calo. Sono 11 le aree che registrano prezzi più alti rispetto al 2010: Detroit (+14.3%), Birmingham (+9.8%), Des Moines (+7.7%), Orlando (+5.5%) e Pittsburgh (+4.4%).

RE/MAX: aumentano le case in vendita, ma i prezzi restano bassi ultima modifica: 2011-09-02T15:44:19+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: