Remax: immobiliare Usa, brusca contrazione delle vendite (-6,4%) a ottobre

A ottobre le vendite di immobili residenziali negli Stati Uniti hanno registrato una contrazione del 6,4% rispetto a settembre, una flessione superiore rispetto al tipico calo stagionale. È quanto emerso dall’osservatorio Usa diffuso oggi da Remax. L’analisi segnala che il trend è imputabile alla crescita vertiginosa dei prezzi, che in media si attestano a 336.000 dollari, e all’offerta ai minimi storici.

Nel dettaglio, nel mese di ottobre l’offerta ha perso il 12,7% rispetto a settembre, toccando il quinto minimo storico nei 14 anni del report Remax, mentre l’andamento di vendita media mensile (1,3 mesi) ha eguagliato il secondo minimo storico del report, ex aequo con i mesi di luglio e agosto 2021.

Stiamo assistendo agli effetti di un lungo e sostenuto incremento dei prezzi; il mercato potrebbe essere in procinto di lasciarsi alle spalle il periodo di vendite molto rapide, offerte multiple e guerre al rilancio che hanno contraddistinto gli ultimi mesi – ha dichiarato Nick Bailey, president, Remax -. La flessione registrata a ottobre, specialmente dopo un settembre così intenso, costituisce un prevedibile orientamento verso un mercato più equilibrato. Per i prossimi mesi è possibile ipotizzare un lieve rallentamento del rincaro dei prezzi, pur rimanendo alti i livelli delle vendite. In generale, prevediamo il protrarsi di un certo dinamismo e di un periodo più vantaggioso per gli acquirenti, grazie alla stabilizzazione dei prezzi e al perdurare di tassi competitivi”.

Secondo i parametri raccolti nel report Remax, durante il quinquennio 2015-2019, le medie di settembre e ottobre rispecchiano gli andamenti tipici dell’autunno. A ottobre 2021, il calo del 6,4% nelle vendite di case rispetto a settembre è stato quasi il doppio della flessione media osservata nel periodo 2015-2019, pari al 3,3%. La riduzione diventa ancora più importante, attestandosi al 10,2%, se paragonata all’ottobre 2020, anno contraddistinto da anomale dinamiche legate alla pandemia.

Sul fronte dell’offerta, il calo mese su mese del 12,7% registrato a ottobre 2021 è più del doppio rispetto alla flessione media del 5,3% registrata da settembre a ottobre nel quinquennio 2015-2019. Rispetto al 2020, l’offerta risulta inferiore del 28%, con una riduzione che ha interessato tutto l’anno, esclusi i mesi di giugno e luglio.

Un’eccezione è il prezzo mediano di vendita che è aumentato dello 0,8% da settembre, in controtendenza rispetto al calo medio dell’1,3% rilevato da settembre a ottobre nel periodo 2015-2019. Rispetto a ottobre 2020, il prezzo di vendita mediano è cresciuto dell’11,8%. Il prezzo mediano di vendita in ottobre, pari a $336.000, ha eguagliato il record stabilito a giugno 2021. I prezzi anno su anno delle case aumentano da 34 mesi consecutivi.

Transazioni concluse

Nelle 51 aree metropolitane coinvolte nell’indagine condotta da RE/MAX a ottobre 2021, il numero medio degli immobili venduti è diminuito del 6,4% rispetto a settembre 2021 e del 10,2% rispetto a ottobre 2020. I mercati con la più grande flessione percentuale nelle vendite anno su anno sono stati: Birmingham, AL con -32,1%, Billings, MT con -30,0% e Providence, RI con -21,5%. Le aree che hanno visto l’incremento maggiore sono state: Honolulu, HI con +16,7% e Wilmington/Dover, DE con +1,4%.

Prezzo mediano di vendita

A ottobre 2021, il prezzo mediano di vendita degli immobili nelle 51 aree metropolitane analizzate è stato di $336.000, con un incremento dello 0,8% rispetto a settembre 2021 e dell’11,8% rispetto a ottobre 2020. Nessuna città ha registrato una diminuzione nel prezzo mediano di vendita. Delle 51 aree metropolitane, 30 hanno visto un aumento anno su anno a doppia cifra percentuale, le più alte a: Boise, ID con +29,6%, Phoenix, AZ con +25,4% e Salt Lake City, UT con +23,4%.

Giorni sul mercato – media delle 51 città analizzate

A ottobre 2021 la media dei giorni sul mercato degli immobili venduti è stata di 27, un giorno in più rispetto a settembre 2021 e undici in meno rispetto a ottobre 2020. I mercati con la media di giorni più bassa sono stati: Nashville, TN con 11, Cincinnati, OH con 13, e Omaha, NE con 14. I mercati che hanno registrato la media di giorni più alta sono stati Des Moines, IA con 84, Miami, FL con 75 e New York, NY con 63. I “giorni sul mercato” indicano il numero medio di giorni che intercorre dalla presa dell’incarico alla firma del contratto.

Andamento di vendita media mensile

Il numero degli immobili in vendita a ottobre 2021 è diminuito del 12,7% rispetto a settembre 2021 e del 28,0% rispetto a ottobre 2020. Basato sugli immobili venduti a ottobre, l’andamento di vendita media mensile è sceso a 1,3 mesi dagli 1,5 di settembre 2021 e dagli 1,9 di ottobre 2020. Una media di vendita a 6,0 mesi rappresenta un mercato in equilibrio tra acquirenti e venditori. A ottobre 2021, nelle 51 aree analizzate, nessuna città ha registrato una media maggiore di 6 mesi, tipicamente considerata indicativa di un mercato del compratore. I mercati con la più bassa offerta sono stati tre a pari merito: Albuquerque, NM, Raleigh-Durham, NC, e Seattle, WA con 0,6.