Remax: real estate data hub, mercato immobiliare dinamico nel III trimestre 2021

Il terzo trimestre 2021 ha confermato l’aumento della dinamicità del mercato immobiliare già registrata nel primo semestre 2021, con una domanda crescente che va di pari passo con la ripresa economica per tutte le destinazioni d’uso (residenziale, logistico, direzionale, commerciale, turistico). È quanto emerge dalla terza edizione di Real estate data hub, lo strumento di analisi nato dalla collaborazione tra Remax Italia e Avalon Real Estate, con il contributo di 24Max.

Per Remax Italia si delinea una netta espansione rispetto ai tre anni precedenti, nonostante un leggero calo fisiologico nel terzo trimestre, dovuto alla pausa estiva. “Dopo un 2020 in controtendenza, si torna alla ciclicità storica del real estate, con un maggior livellamento tra i quarter. Lombardia e Lazio si confermano motori trainanti del mercato immobiliare; positiva la situazione del Nord-Est; a Sud si distinguono Puglia e Sicilia, seguite dalla Campania”, si legge nel report.

Preferenze, metrature e prezzi

Analizzando il transato in termini di preferenze, dai dati di Remax Italia emerge nel terzo quarter una sempre maggiore propensione per i trilocali scelti dal 41% degli acquirenti, a discapito di mono e bilocali, confermando la tendenza a cercare spazi abitativi più ampi. Peraltro, questa tipologia ha manifestato una certa stabilità dei prezzi, che potrebbe aver favorito la propensione per questi immobili. A differenza dei trilocali, infatti, nel corso del 2021 i prezzi dei bilocali stanno registrando continui aumenti. La metratura media degli appartamenti venduti si attesta a 94 mq, che raggiunge i 101 mq nel Sud e nelle Isole.

Tempistiche

Sul fronte delle vendite, il centro studi di Remax rileva nel terzo trimestre 2021 una riduzione dell’offerta, probabilmente in parte dovuta anche all’elevato numero di transazioni messe a segno nei primi mesi dell’anno. Nel terzo trimestre i giorni medi di permanenza sul mercato rimangono sostanzialmente invariati rispetto al 2020, attestandosi a 152 giorni.

Mutui

La richiesta di mutui continua ad essere favorita da tassi di interesse ai minimi storici e dal perdurare di una situazione di liquidità e di disponibilità nel concedere finanziamenti dedicati all’acquisto di immobili derivante dalla politica monetaria della Bce. Secondo l’analisi sociodemografica effettuata sull’effettivo transato dall’ufficio studi di 24Max, società di mediazione creditizia del gruppo Remax, tra luglio e settembre si conferma il netto aumento di mutui erogati a richiedenti con età compresa tra 25-34 anni. L’andamento è analogo al trimestre precedente ed è favorevolmente influenzato dalle agevolazioni governative. Continua invece la diminuzione nelle fasce 35-44 e over 55. Per quanto riguarda i single, aumenta al 61% il numero di uomini che fa ricorso al mutuo, rispetto al 39% rappresentato da donne. In crescita anche le richieste di mutui da parte di coppie, a fronte della contrazione che si registra tra celibi e nubili.

Previsioni ultimo trimestre 2021

Per l’ultimo quarter del 2021, Remax Italia prevede un proseguimento del trend di espansione, seppur con un ottimismo prudente, dovuto al peggioramento della situazione sanitaria in Europa. L’attenzione nei prossimi mesi continuerà ad essere rivolta verso le iniziative legate al Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza) e all’efficientamento energetico.

Immobiliare logistico

I mercati logistici di Milano e Torino hanno mostrato un andamento stabile dei canoni nella prima metà del 2021; tuttavia, i primi dati sul terzo trimestre per Milano creano aspettative al rialzo per la logistica last mile. Per quanto riguarda Roma, invece, il trend in aumento ha già iniziato a manifestarsi per la logistica in generale, con picchi per il last mile che risulta particolarmente richiesto nelle due principali città analizzate. Altro fenomeno interessante che riguarda entrambe le città, è lo sviluppo di dark kitchen e dark store. Infine, analizzando gli annunci, l’offerta è particolarmente ampia per Torino, mentre mostrano segnali di assorbimento Roma e Milano.

Immobiliare direzionale

Il secondo trimestre conferma la ripresa già intravista nei dati del primo. Guardando al dato semestrale, il numero di transazioni del primo semestre 2021 mostra una crescita rilevante rispetto all’anomalo 2020 e supera il livello del 2019 per Milano, Roma e Torino; a Genova, invece, il direzionale ha recuperato in misura più modesta la contrazione subita lo scorso anno senza riuscire a equiparare il valore del 2019, andamento riconducibile ad una peggiore performance nel primo trimestre. Il terzo trimestre ha invece mostrato un andamento omogeneo tra le città analizzate, con un calo rispetto allo stesso periodo del 2019 e 2020 che crea incertezza sull’andamento negli ultimi mesi dell’anno. Fa eccezione solo Milano, che mantiene un livello di transazioni superiore anche nel terzo trimestre. Complessivamente i volumi transati registrano una riduzione nel 2021 rispetto al 2019.

Immobiliare commerciale

La crescita del mercato retail nei primi tre trimestri 2021 rispetto al 2020 e al 2019 è stata meno consistente di quella del direzionale. Si discosta da questo andamento Genova che, in controtendenza con le altre città, risulta più performante nel comparto retail che in quello direzionale. Tra le quattro città analizzate dal Real estate data hub, Roma è quella che mostra la maggior crescita rispetto al 2019, seguita da Genova, Torino e Milano. Per quanto riguarda le principali vie dello shopping, Milano e Torino presentano take-up in crescita, mentre per Genova e Roma l’offerta è aumentata: ciò potrebbe portare ad un adeguamento dei canoni nei prossimi mesi rispettivamente al rialzo per le prime due città e al ribasso per le seconde.

Turistico residenziale

Sulla base dei dati del transato relativi al terzo trimestre 2021, il centro studi Remax Italia ha elaborato un’analisi del mercato turistico residenziale nelle città costiere italiane. Si osserva un trend stagionale delle vendite in linea con gli anni 2018-2019, con dei picchi di attività nel secondo e quarto trimestre.

Se per alcune regioni, come la Campania, le transazioni rimangono stabili, per altre come Toscana, Puglia e Marche si osserva un lieve aumento dell’attività.

Le regioni interessate da investimenti e riqualificazioni, quali Abruzzo e Lazio, sono quelle che registrano una maggiore crescita. Per l’ultimo trimestre l’aspettativa generale è di un ulteriore incremento in linea con gli andamenti storici e favorito dai finanziamenti in corso.