RE/MAX, USA: il 2012 inizia con un aumento delle vendite e prezzi stabili

Secondo il RE/MAX National Housing Report, per il settimo mese consecutivo, le vendite di case negli USA a gennaio segnano un aumento del 3,4% superiore al livello registrato lo scorso gennaio. Dopo un balzo inatteso delle vendite alla fine del 2011, le vendite di gennaio sono tornate nella norma stagionale e sono diminuite su base mensile del 19,3% da dicembre. Gennaio è stato il 19° mese consecutivo ad aver registrato una diminuzione delle case in vendita sul mercato, ciò imputabile al calo dei numeri dei pignoramenti. Il numero di case in vendita il mese scorso è stato del 24,1% inferiore al numero visto nel gennaio 2011. Nelle 53 aree metropolitane, i prezzi delle case sono in calo solo dello 0,8% rispetto ad un anno fa, delineando un trend che va nella direzione della stabilizzazione dei prezzi.

Auspichiamo che questo inizio anno così positivo metta le basi per un trend di ripresa che vede la discesa dei tassi di interesse e dei prezzi degli immobili – ha dichiarato Margaret Kelly, Ceo di RE/MAX, LLC -. Se le vendite continueranno di questo passo e le case sul mercato non aumentano in modo significativo, potremmo iniziare a vedere nuovamente salire i prezzi delle case in vendita quest’anno“.

La vendita di casa a dicembre ha sfidato i più scettici; l’anno si è concluso con un incremento inaspettato. Tornando in linea con l’andamento stagionale usuale, le vendite di gennaio inferiori rispetto a dicembre sono scese del 19,3%, ma per il settimo mese consecutivo, le vendite sono rimaste più alte rispetto a quelle registrate nello stesso mese dell’anno precedente. Su base annua l’aumento a gennaio è stato del 3,4%. Tra le 53 aree metropolitane incluse nel sondaggio di gennaio, 20 hanno assistito ad un aumento a due cifre rispetto dello scorso anno, e 36 hanno registrato un aumento delle vendite rispetto a gennaio 2011, tra cui: Albuquerque, NM 33,9%, Wilmington-Dover, DE 33,2%, Atlanta, GA 26,3%, Indianapolis, IN 19,6%, Providence, RI 19,6%, Nashville, TN 19,5%, Cleveland, OH 18,9% e Chicago, IL 15,3%.

Prezzi medi di vendita su base annua
A gennaio, il prezzo medio di vendita delle case vendute nelle 53 aree metropolitane è stato di 170.598 $. Questo prezzo riflette un calo del 3,4% da dicembre, ma è solo dello 0,8% inferiore al prezzo visto nel gennaio 2011. Gennaio rappresenta il 17° mese consecutivo che ha registrato dei cali nei prezzi delle case su base annua, anche se questo è il calo minore da ottobre 2010. Nel sondaggio del mese scorso, 15 aree metropolitane hanno registrato un aumento dei prezzi da gennaio 2011, tra cui: Miami, FL 23,8%, Orlando, FL 15,8%, Tampa, FL 15,6%, Phoenix, AZ 9,0%, Little Rock, AR + 5,5% e Detroit, MI 5,1%.

Giorni medi sul mercato
Per le case vendute nel mese di gennaio, la media dei giorni sul mercato è stata 103, che è di 5 giorni superiore alla media di 98 giorni a dicembre e 4 giorni superiore alla media nel mese di gennaio 2011. Solo due mesi nel 2011 hanno visto un giorno  in media di mercato inferiore a 90: luglio e settembre hanno riportato 88 giorni.  I giorni sul mercato sono il numero medio di giorni che intercorre dalla presa di incarico alla firma del contratto.

Inventario mensile  – Media delle 53 Aree Metropolitane
Per il mese di gennaio, la scorta media di case in vendita nelle 53 aree metropolitane intervistate è scese del 4,2% da dicembre e anche del 24,1% da gennaio 2011. Mese per mese le scorte sono ormai scese per 19 mesi consecutivi. Dato l’attuale andamento delle vendite, e la dimensione dell’inventario di case disponibili sul mercato, l’offerta risulta di 7,3 mesi, mentre a dicembre era di 7,8 mesi, un dato questo significativamente inferiore a quello registrato nel gennaio 2011 che era di 10,1 mesi.

L’analisi dell’inventario mensile indica quanti mesi sarebbero necessari per vendere tutte le case sul mercato al tasso di vendita corrente; un mercato equilibrato si stabilizza sui 6 mesi.

RE/MAX, USA: il 2012 inizia con un aumento delle vendite e prezzi stabili ultima modifica: 2012-03-05T10:33:28+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: