Rete Mutui Italia: terminata la prima fase del Roadshow

È terminata la prima fase del Roadshow di Rete Mutui Italia che ha interessato le 5 principali regioni del sud oltre alla Sardegna. “Sono circa 40 i profili adatti alla nostra visione e metodologia di lavoro – ha dichiarato il direttore generale Massimo Righetti –. La settimana prossima inizierà l’iter documentale necessario per rispettare le procedure di verifica e di inserimento, prima di avviare i candidati Financial Advisor ai corsi di formazione”.

 

Tra le sei regioni toccate – Calabria, Sicilia, Sardegna Puglia, Lazio e Campania – solo quest’ultima richiederà una serie di incontri personali a “porte chiuse” in quanto –  ha aggiunto Righetti – “i consulenti di questo territorio con un profilo più elevato che si distinguono da una moltitudine di segnalatori sono ancora orientati a gestire le posizioni personali con una maggiore privacy”.

Il tour riprenderà la prima settimana di ottobre toccando le rimanenti aree del nord a cui Rete Mutui Italia è interessata.

“Uno degli aspetti più preoccupanti – ha sottolineato Righetti – consiste nella presa di coscienza che in realtà i mediatori sono molti meno di quello che si pensa, mentre la maggior parte dei codici ancora presenti nell’elenco UIC altro non sono che dopolavoristi o mediatori che hanno sempre vissuto di altro e che quindi non potranno più rimanere in questo mercato, né tantomeno essere di aiuto alle aziende come Ree Mutui Italia”

La scelta di orientarsi anche verso le nuove generazioni di Financial Advisor creerà le basi per la rinascita di questo settore.{jcomments off}

Rete Mutui Italia: terminata la prima fase del Roadshow ultima modifica: 2011-09-27T09:40:31+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: