Riforma del credito, costituito l’Organismo per la gestione degli elenchi dei Mediatori Creditizi e agenti in attività finanziaria

È stato costituito lo scorso 12 dicembre, a Roma, presso il notaio Giovanni Giuliani, l’Organismo per la gestione degli elenchi dei Mediatori Creditizi e Agenti in Attività Finanziaria previsto dall’art. 128-undecies del decreto legislativo 1° settembre 1993, n.385 (Testo Unico Bancario).
L’Organismo (OAM), costituito in forma di associazione, vede come soci fondatori ABI, Assofin, Assilea, Assifact, UFI, Fenafi, Afin, FIAIP, Assomea, FIMEC, Assoprofessional e curerà l’istituzione e la tenuta degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi, verificando i requisiti per l’iscrizione negli elenchi in questione e svolgendo ogni altra attività necessaria per la loro gestione (es. determinazione e riscossione contributi e altre somme dovute per l’iscrizione).

L’Organismo verificherà il rispetto da parte degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi della disciplina cui sono sottoposti; potrà effettuare ispezioni, chiedere comunicazione di dati e notizie e disporrà dei poteri sanzionatori necessari per lo svolgimento di tali compiti.

I componenti del Comitato di Gestione dell’Organismo per il primo triennio sono stati nominati dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, con decreto in data 15 settembre 2011, su indicazione della Banca d’Italia nelle persone di Maurizio Manetti, presidente, Andrea Ciani, Michele Faldella, Vittorio Francoli e Ranieri Razzante.

L’Organismo, che avrà sede a Roma, ha immediatamente dato avvio alle attività e alle procedure necessarie per l’istituzione dei nuovi elenchi, al fine di dare concreta applicazione nel più breve tempo possibile alla riforma della disciplina legislativa delle reti distributive del settore creditizio prevista dal D.Lgs. 13 agosto 2010 n. 141.

vis: 1013

Riforma del credito, costituito l’Organismo per la gestione degli elenchi dei Mediatori Creditizi e agenti in attività finanziaria ultima modifica: 2011-12-13T09:58:54+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: