Risparmio, Osservatorio Anima: gli italiani tagliano le spese superflue e puntano a investire su progetti importanti

Meno mattone nei progetti degli italiani

Lasciata alle spalle la fase più grave della crisi del debito, spiega l’Osservatorio, si assiste a una sorta di stabilizzazione delle indicazioni relative alla progettualità: il 56% dichiara di avere progetti per i prossimi mesi in linea con il dato di ottobre del 55% – in particolare sul sotto-campione degli italiani “investitori” (70% e a ottobre si parlava del 71%); e una quota consistente, vale a dire il 25%, ritiene di continuare a mettere soldi da parte per emergenze ed imprevisti. L’unica eccezione, forse complice l’introduzione dell’Imu, in controtendenza con le due prime indagini è rappresentata dall’appetito immobiliare, che è in significativa riduzione: dal 9% si passa al 5% e addirittura, dal 18 all’8% per gli investitori. Tuttavia la disponibilità a investire si fa nel tempo più tiepida: alla domanda “E se oggi avesse da investire quali prodotti sceglierebbe?” il 16% ha risposto che non farebbe investimenti e il 22% che non ha soldi da investire, mentre scende dal 24% al 20% chi punterebbe sull’immobiliare. Non va comunque trascurato che, alla domanda “Quali fra le seguenti attività finanziarie pensa di intraprendere nel prossimo anno?”, il 51% ha risposto che intende risparmiare di più; il 26% vuole costruire una riserva per le emergenze e il 13% rivedere e ottimizzare il portafoglio investimenti, mentre il 5% ha intenzione di sottoscrivere un piano di accumulo.

I fondi comuni risalgono nella lista dei desideri degli investitori

In compenso, però, chi è già nel mondo degli investimenti ripeterebbe questa scelta magari rimodulando il portafoglio, guardando meno ai titoli di stato – dal 36% i risparmiatori affezionati ai titoli governativi  italiani scendono al 22% – e più ai fondi comuni d’investimento – dal 2 si passa al 10% – e in particolare a obbligazioni e fondi obbligazionari (dal 12 al 16%). Non va trascurato anche che un 8% terrebbe i soldi in conto corrente e liquidità.

Prevale la ricerca di protezione del capitale ma il desiderio di rendimento recupera terreno

Continua ad essere predominante, per il 49% del campione di riferimento, la ricerca di meccanismi di tutela del capitale investito – a riprova si conferma anche una forte sensibilità verso il rendimento garantito, dal 33 al 39% – ma ricomincia a crescere la ricerca di rendimenti elevati (dall’11 al 16%) e con un orientamento più spiccato al breve periodo. Inoltre chi ha già sperimentato gli investimenti afferma che nelle sue decisioni, oltre alle peculiarità legate al prodotto che restano determinanti per il 97%, presterebbe attenzione anche agli aspetti legati al servizio, quali la trasparenza e chiarezza delle informazioni e l’assistenza riservata. In ogni caso, i due parametri più importanti nelle scelte degli investitori restano la certezza del rendimento e la trasparenza insieme alla chiarezza sul prodotto in termini di caratteristiche e costi, rispettivamente per il 61% e il 56% del campione; seguono l’assistenza nella scelta da parte di un consulente (23%) e la notorietà del brand della società che gestirà i risparmi (11%). Prevale infine il pessimismo sul futuro dell’Europa: il 43% ha dichiarato che il Vecchio Continente retrocederà a causa della crisi attuale o di una nuova, il 42% si aspetta una fase di stallo e solo il 15% crede che farà passi in avanti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Leggi il comunicato

Risparmio, Osservatorio Anima: gli italiani tagliano le spese superflue e puntano a investire su progetti importanti ultima modifica: 2013-02-04T18:20:42+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: