Salvatore Gangi, amministratore delegato Eurocqs: “Ingrandiremo la rete e aumenteremo le filiali territoriali”

Gangi, ad Eurocqs“Il 18 ottobre abbiamo ricevuto dalla Banca d’Italia il via libera all’iscrizione al nuovo albo unico degli intermediari. Per noi si tratta di un risultato estremamente importante, che abbiamo conquistato a prezzo di impegno e fatica e che ci fa sentire orgogliosi, soprattutto perché Eurocqs è una società che si regge sul capitale privato di due persone, senza partecipazioni da parte di banche o altri soggetti esterni. Ora che abbiamo raggiunto questo traguardo siamo pronti ad accettare con rinnovata energia le sfide che il mercato ci pone davanti”. Salvatore Gangi, amministratore delegato di Eurocqs, risponde alle nostre domande sul piano industriale della società e sui progetti in cantiere per i prossimi anni.

Come è andato quest’anno? Che numeri farete?
Chiuderemo con circa 100 milioni di erogato, di cui 30 derivanti da erogazioni dirette e i restanti 70 dalla distribuzione di prodotti dei nostri partner, tra cui possiamo annoverare Santander, Ibl Banca, Futuro e Unicredit.

A quanto puntate da qui ai prossimi tre anni?
Nel 2018 puntiamo a raggiungere i 200 milioni di erogato, di cui il 60 per cento circa da erogazioni dirette.

State pensando di abbandonare la distribuzione di prodotti degli altri?
Assolutamente no, si tratta di un’attività che per noi resta fondamentale. Semplicemente aumenteremo le erogazioni dirette.

Questa crescita porta con sé un allargamento della rete?
Ovviamente sì. Da sempre gli agenti rappresentano una delle parti più importanti della nostra società e del nostro progetto. Sono loro che materialmente si recano presso le amministrazioni con cui siamo convenzionati per offrire i nostri prodotti. La loro importanza, dunque, è centrale. Al momento contiamo su una rete di 57 agenti, che dovrebbero arrivare a 100 entro il 2018.

Aumenteranno anche le filiali territoriali?
Sì, alle attuali sei ne aggiungeremo altre cinque.

Su cosa intendete concentrarvi nei prossimi mesi?
Tutte le energie di Eurocqs saranno impiegate per supportare nel miglior modo possibile il lavoro della nostra rete e degli agenti che la costituiscono. Per fare questo possiamo contare sul nostro dinamismo, la nostra professionalità e sulla lunga esperienza accumulata nel corso degli oltre venti anni in cui abbiamo fatto questo lavoro.

Come evolverà il settore dell’intermediazione del credito nel prossimo triennio?
Sicuramente si assisterà a una contrazione del numero di operatori. Spero che questa riduzione non sia eccessiva perché la concorrenza è sempre positiva e spinge tutti i concorrenti a fare sempre meglio, portando a un vantaggio per i consumatori. Una cosa che mi auguro è che gli iscritti al nuovo albo riescano a lavorare in sinergia, cosa che porterebbe vantaggi per tutti e contribuirebbe a creare un clima di lavoro favorevole per gli agenti. Questo vale soprattutto per il settore della cessione del quinto, in cui siamo rimasti ormai in pochi a operare.

Salvatore Gangi, amministratore delegato Eurocqs: “Ingrandiremo la rete e aumenteremo le filiali territoriali” ultima modifica: 2016-11-05T09:00:39+00:00 da Paolo Tosatti

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: