Salvatore Ronzino, Head of [email protected] & Partners Development & Governance Unicredit: “La nostra priorità è l’innovazione del modello distributivo. [email protected] : un’opportunità di crescita per la rete di agenti”

 

Quindi è un prodotto sul quale Unicredit intende puntare?
Sicuramente sì. Nella logica di multicanalità seguita dal gruppo si tratta di un prodotto che viene offerto già oggi, sia nelle quasi quattromila filiali dell’istituto, sia tramite le reti terze di agenti in attività finanziaria. Noi immaginiamo li coinvolgerà entrambi. Quello che è importante per il nostro gruppo è che questo prodotto presenti alcuni requisiti fondamentali e che sia distribuito con grande attenzione alla trasparenza e al rapporto di lungo periodo con il cliente. Questo perché ai soggetti che ne fanno richiesta deve essere venduto il prodotto giusto al prezzo giusto. Un altro aspetto che per noi riveste primaria importanza riguarda l’innovazione del modello distributivo.

Che genere di innovazione?
Stiamo sviluppando un nuovo modello denominato “ Bank@Work“: facendo leva sulla relazione sinergica che la banca ha con tutto il mondo corporate e con gli enti, offriamo una consulenza ai dipendenti direttamente presso il posto di lavoro. Così da un parte c’è la relazione corporate della nostra banca, dall’altra c’è un agente mandatario che si reca presso il datore di lavoro e offre ai suoi dipendenti consulenza in merito ai nostri prodotti finanziari. In questo modo il servizio può essere considerato un benefit offerto dall’azienda ai propri lavoratori. E parallelamente questo progetto offre anche opportunità a consulenti che siano agenti in attività finanziaria iscritto all’Oam e che vogliano distribuire i nostri prodotti.

Avete già relazioni attive con alcune aziende?
Ci sono molti accordi in essere ed altri saranno operativi  a breve sia con grandi gruppi multinazionali, grandi e medie imprese ed enti pubblici.

Come vi state muovendo invece sui prestiti personali?
I numeri dimostrano senza possibilità di equivoco che al momento il mercato è in contrazione, a causa degli stessi fattori cui abbiamo accennato in precedenza in merito alla cessione del quinto. A fronte di ciò i nostri numeri sono invece andati aumentando nei primi mesi dell’anno rispetto al 2012. In questo caso il canale distributivo su cui abbiamo puntato è chiaramente quello della filiale retail, e anche qui intendiamo applicare il modello “Bank@Work“.

In questa fase di particolare difficoltà come state gestendo la valutazione del merito creditizio dei clienti?
Su questo tema il nostro istituto ha mantenuto sempre un approccio coerente, senza eccessi e senza precipitose ritirate. Questo perché riteniamo che il cliente debba essere sempre salvaguardato, indipendentemente dal prodotto che gli viene offerto e dalle garanzie sottostanti. Chiaramente, vista la particolare contingenza economica, negli ultimi anni, i criteri di rischio, che per definizione sono dinamici, si sono dovuti adattare al momento di difficoltà che il Paese sta attraversando. Nonostante ciò, però, i numeri dimostrano che il nostro istituto è sempre rimasto vicino alle necessità di singoli e famiglie.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Salvatore Ronzino, Head of [email protected] & Partners Development & Governance Unicredit: “La nostra priorità è l’innovazione del modello distributivo. [email protected] : un’opportunità di crescita per la rete di agenti” ultima modifica: 2013-06-03T22:00:00+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: