Santander Consumer Bank: 20 licenziamenti nei centri recupero crediti

Nonostante la proposta della Fabi e degli altri sindacati di utilizzare gli strumenti messi a disposizione dal contratto nazionale di settore, Santander Consumer Bank ha deciso di licenziare 20 dipendenti dei centri recupero crediti dislocati su tutto il territorio italiano. Lo ha denunciato Lando Maria Sileoni, segretario generale della Fabi, il sindacato di maggioranza dei bancari.

”Ancora più grave – ha aggiunto Sileoni – e inaccettabile appare la scelta aziendale, considerata la disponibilità di alcuni di questi lavoratori a trasferirsi in altre città italiane, pur di mantenere il proprio posto di lavoro. La Fabi contrasterà con ogni mezzo questa vergognosa decisione di Santander Consumer Bank, con una vertenza durissima e intervenendo presso la Banca d’Italia, il Banco de Espana, le forze politiche italiane e spagnole, l’Abi ed Uni Global, l’organizzazione europea dei sindacati del credito. E’ inaccettabile che l’istituto di credito spagnolo abbia rifiutato qualsiasi forma di dialogo con le organizzazioni sindacali, a dimostrazione del fatto che l’obiettivo era ed è un taglio agli organici che, purtroppo, temiamo non sia né il primo né l’unico all’orizzonte’‘.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Santander Consumer Bank: 20 licenziamenti nei centri recupero crediti ultima modifica: 2012-11-05T19:08:42+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: