Santander Consumer Bank, nel 2015 buone performance nella cessione del V

Santander Consumer Bank LogoIl bilancio 2015 di Santander Consumer Bank descrive i trend che hanno interessato la rete commerciale, le cessioni del quinto e i prestiti personali.

La Rete Commerciale
L’anno 2015 ha segnato nel mondo del credito al consumo una crescita elevata, con un incremento dei volumi rispetto all’esercizio precedente. Il 2015 ha chiuso con volumi postivi del 13,9% rispetto all’anno 2014 ed anche il numero delle operazioni ha segnato un risultato positivo (+15,2%).

La Capogruppo ha registrato un incremento dei volumi (+14,96%) grazie soprattutto all’apporto delle linee di business automotive e cessione del quinto dello stipendio.

Nel segmento Automotive la Capogruppo ha registrato un trend positivo superiore a quello del mercato con un incremento del 21,2%, rispetto ad un mercato positivo del 17,6% ampliando, di conseguenza, la propria quota di mercato dal 7,42% al 7,65% e divenendo la prima società indipendente nel mercato. In questo contesto, si registrano ottime performance sui marchi relativi agli Accordi Captive, a testimonianza del lavoro svolto dal Gruppo nel rafforzamento di tali partnership. La Capogruppo nel corso del 2015 si è particolarmente focalizzata sullo sviluppo del business dell’auto usata che ha registrato una crescita notevole rispetto all’anno precedente (+17,37%).

Nel corso del 2015, l’attività di vendita del prodotto cessione del quinto dello stipendio ha registrato un risultato in forte crescita rispetto all’esercizio precedente (+14,25%), contro il 6,1% del mercato, ampliando, di conseguenza, la propria quota dal 10,05% al 10,82% e collocandosi al quarto posto sul mercato.

I prodotti diretti hanno chiuso l’anno in contrazione rispetto alle performance ottenute nell’esercizio precedente (-6,3%): tale riduzione è prettamente dovuta al minor ricorso a pratiche di prodotti diretti per il rifinanziamento di crediti già in essere verso clienti in difficoltà; al netto dei rifinanziamenti la Capogruppo ha registrato una crescita del 12,69%.

Nel settore dei prestiti finalizzati (diversi da automotive), in un contesto di mercato che sulla base dei dati Assofin, ha chiuso con erogazioni in crescita del 10,2% rispetto al 2014, la Capogruppo ha chiuso il 2015 con un risultato inferiore del 36,27% rispetto alla chiusura del 2014, a seguito della scelta di limitare la commercializzazione di questo prodotto a pochi canali distributivi.

Relativamente al prodotto carta di credito, in un mercato che risulta in espansione rispetto all’anno precedente, registrando una variazione di volumi pari al +13,2%, la Capogruppo mantiene la sua attenzione nella gestione del portafoglio privilegiando la redditività ai volumi. Tale strategia ha pertanto fatto registrare un decremento rispetto al 2014 in termini di volumi finanziati (-49,8%).

Cessione del V

Il Gruppo Santander Consumer Bank ha continuato con successo la strategia commerciale iniziata nel corso del 2014, volta sia all’attivazione di mandati a favore di nuovi agenti in attività̀ finanziaria, sia al lancio di iniziative promozionali periodiche su alcuni dei segmenti di produzione commercialmente più̀ strategici.

A fine 2015, il perimetro dei mandati agenziali attivi che promuovono e collocano la cessione del quinto ha così toccato quota 67 unità, con un significativo incremento rispetto all’anno precedente, migliorando in tal modo il già̀ positivo presidio territoriale di capillarità̀ delle proprie agenzie monomandatarie; al contempo sono state ulteriormente rafforzate le principali partnership commerciali con alcuni fra i più̀ importanti intermediari specializzati ex. art. 106 T.U.B. operanti nel settore.

Santander Consumer Bank ha saputo, nel corso del 2015, anche migliorare la propria quota di mercato, passando dal 10,05% del 2014 al 10,82% del 2015, in virtù̀ di una crescita del nuovo capitale finanziato nell’ultimo anno pari al 14,2% rispetto all’anno precedente, attestatosi pertanto su un importo complessivo nel 2015 di circa euro 484,9 milioni.

Inoltre, la nuova produzione canalizzata dagli agenti monomandatari rispetto al totale dei volumi intermediati è salita ad una quota pari a 46,30%, a testimonianza di una crescente fidelizzazione anche del canale distributivo.

Ancora con riguardo ai volumi della nuova produzione, il mix conseguito tra i diversi settori è risultato il seguente: statali e pubblici, 52,73%; para-pubblici, 4,44%; pensionati, 25,91%; privati, 16,92%.

Prestiti Personali

Santander Consumer Bank, ha ottenuto nel 2015 risultati soddisfacenti sia in termini di volumi erogati che di profittabilità̀ degli stessi. Anche i processi hanno beneficiato di un positivo impatto derivante dalle attività̀ di ottimizzazione poste in essere, quali l’introduzione della firma digitale con OTP disponibile per tutti i clienti dei canali remoti.

Particolare attenzione è stata inoltre posta sull’attività di direct marketing dedicata al prodotto per migliore la relazione con il cliente e proporre offerte sempre più personalizzate.

Il modello distributivo adottato da Santander Consumer Bank si conferma essere tra i più completi del mercato e adeguato alle attuali esigenze della clientela che può infatti accedere alla richiesta di prestito personale attraverso differenti tipologie di canale: da quelli classici, diretti ed indiretti, a quelli remoti e digitali.

Consulta il Bilancio 2015 di Santander Consumer Bank

Santander Consumer Bank, nel 2015 buone performance nella cessione del V ultima modifica: 2016-05-06T13:53:42+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: