Savino Bastari, direttore generale Bcc CreditoConsumo: “Ad aprile partiremo con il nuovo prodotto cessione del quinto”

Savino Bastari, Bcc CreditoConsumo“Quello passato è stato l’anno in cui abbiamo avviato tutte le attività di migrazione informatica e tecnica da Agos, uno dei nostri soci storici, che a fine 2015 è uscito dalla nostra compagine societaria, rimanendo però come partner industriale. Questo passaggio dovrebbe concludersi entro giugno. A quel punto potremo concentrare tutte le nostre energie sui nostri progetti di sviluppo”. Savino Bastari, direttore generale della Bcc CreditoConsumo, presenta il bilancio del 2016 e racconta quali sono i programmi della società per il prossimo futuro.

Come è andato il 2016?
È stato senza dubbio un anno molto positivo. Abbiamo totalizzato un erogato di 425 milioni, maggiore del 17,4% rispetto alle previsioni fatte nel 2015. Per quanto riguarda il conto economico, abbiamo registrato un risultato di utile netto di circa 9,8 milioni di euro, superando gli 8,2 milioni di euro del 2015. Un dato che per noi rappresenta un nuovo record, ancor più positivo se consideriamo le spese straordinarie legate al progetto di migrazione del sistema informatico. Simili risultati sono stati raggiunti grazie all’impegno costante di una squadra giovane, coesa, dinamica e intraprendente che crede molto nella mission e negli obiettivi della società e si riconosce nei suoi valori. Sempre nel corso dell’anno passato abbiamo lavorato al fine di rendere più efficienti le nostre procedure interne, riducendo i tempi di lavorazione ed abbiamo riorganizzato la presenza commerciale sul territorio in modo da renderla più coerente con i volumi che sviluppiamo nelle varie zone del Paese. Ad esempio il Nord Italia, che in precedenza era gestito e organizzato come un’unica zona commerciale, è stato suddiviso creando due zone distinte, il Nord-Est e il Nord-Ovest, gestite da figure professionali in grado di supportare meglio gli specifici territori assegnati.

Che previsioni avete per il 2017?
L’anno è iniziato bene e ci attendiamo un’ulteriore crescita. La produzione ha registrato nel mese di gennaio un aumento del 30% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente e anche a febbraio il trend si è confermato molto positivo con un più 20% sullo stesso mese dello scorso anno. A marzo inoltre, in concomitanza con la Festa della Donna, abbiamo realizzato un’iniziativa promozionale nei giorni 8, 9 e 10, coinvolgendo le banche partner per offrire alla clientela femminile tassi agevolati sui nostri prodotti. I riscontri sono stati eccellenti: abbiamo battuto il record storico di pratiche caricate in un singolo giorno del 72%.

Su cosa vi concentrerete nei prossimi mesi?
Già da qualche settimana abbiamo messo in cantiere due nuove attività: il coaching e lo sviluppo di nuovi business, concentrandoci in questa prima fase sul segmento della cessione del quinto dello stipendio. L’attività di coaching che stiamo strutturando ha l’obiettivo di supportare le banche partner nello sviluppo delle capacità consulenziali dei propri gestori di filiale che devono sempre di più essere in grado di comprendere le esigenze del cliente, guidandolo in un percorso finalizzato al soddisfacimento consapevole delle proprie specifiche esigenze finanziarie. Il gestore di filiale in sostanza, deve diventare sempre più un vero e proprio consulente a disposizione della clientela. Per quanto riguarda la cessione del quinto dello stipendio, in una fase che vede la società fortemente impegnata nel progetto di internalizzazione dei sistemi informatici e considerate le specifiche complessità di gestione del prodotto, la nostra scelta è stata quella di avvalerci di accordi esterni con operatori specializzati, mantenendo al contempo il completo presidio commerciale sulla nostra rete distributiva. Verosimilmente saremo pronti a partire già da aprile.

Savino Bastari, direttore generale Bcc CreditoConsumo: “Ad aprile partiremo con il nuovo prodotto cessione del quinto” ultima modifica: 2017-03-22T18:01:37+00:00 da Paolo Tosatti

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: