Sei Ventures chiude a 180.000 euro il crowdfunding su WeAreStarting

Sei Ventures, logoLa campagna di equity crowdfunding su WeAreStarting di Sei Ventures, incubatore d’impresa volto al rilancio delle aree interne del Paese, si è chiusa con il triplo dell’obiettivo minimo, per un totale di 180.000 euro. Sei Ventures userà questi fondi per aprire nuovi hub. Il prossimo sarà nel Sannio, una zona interna che comprende aree del Molise, della Campania e dell’Abruzzo. Ma si stanno valutando nuove sedi anche in Veneto e nelle Marche. L’obiettivo principale della società è proprio quello di fondare e gestire altri hub sul modello del capostipite, incubatore Sei di Avellino, luogo natale dei founder della società.

Sei Ventures realizza spazi fisici pratici e funzionali, aperti h24, nelle aree interne del Paese, quelle zone dove generalmente mancano tutti i principali servizi per i professionisti e l’imprenditoria (oltre ai servizi di base per le persone).

All’interno dell’hub, costruito e gestito coinvolgendo partner locali, il gruppo Sei offre formazione e accompagna le start up nel processo di sviluppo del business. “Vogliamo dare un contributo concreto per invertire il fenomeno dello spopolamento delle aree decentrate – sottolinea Vincenzo Vitale, ceo e co-founder di Sei Ventures -. Quando un giovane vuole fare impresa, in Italia, di solito gli si consiglia di spostarsi a Milano. Una volta emigrato, difficilmente tornerà indietro: si farà una famiglia dove c’è il suo lavoro. Il nostro desiderio è quello di spezzare questo meccanismo controproducente, che fa male al nostro Paese, e dimostrare che si può fare business ovunque. Basta portare i servizi e gli strumenti necessari nel luogo dove nascono le idee imprenditoriali e c’è molta voglia di fare. Con l’emergere di imprese profittevoli aumenta il tasso di occupazione e di conseguenza lo Stato è ancora più incentivato a incrementare i servizi di base come trasporti, sanità e istruzione”. In Italia le aree interne abbracciano circa 4.000 centri abitati dove vivono oltre 13 milioni di persone, ma è importante sottolineare che il modello di business di SEI può essere applicato in qualunque area interna, in Europa e nel mondo.