Servizi bancari e finanziari, via libera del Senato alle direttive europee

Credito 2In questi giorni è stata votata in Senato la legge di delegazione europea per il recepimento di diverse direttive Ue. Il governo è stato delegato a provvedere ad adeguare la legge italiana al regolamento europeo in materia di commissioni interbancarie per i pagamenti con carta. La direttiva europea prevede l’obbligo di stabilire sanzioni dai 30.000 ai 5 milioni di euro (o del 10% del fatturato quando questa percentuale è superiore ai 5 milioni) per le società e sanzioni dai 5.000 ai 5 milioni di euro per le persone fisiche.

Un ulteriore intervento, relativo al recepimento della direttiva sui servizi di pagamento nel mercato interno, ha come obiettivo quello di “favorire l’utilizzo di strumenti di pagamento elettronici e promuovere lo sviluppo di un mercato concorrenziale dei servizi di pagamento”.

Il Parlamento ha inoltre stabilito non imporre ma consentire l’inclusione di un indicatore sintetico sui costi annuali del conto tra le indicazioni del documento informativo da far leggere al cliente. Un riepilogo delle spese dovrà essere fornito insieme con la documentazione periodica al titolare del conto.

Da ultimo è prevista l’istituzione di un comitato per le politiche macroprudenziali, un’autorità indipendente (della quale faranno parte la Banca d’Italia, che lo presiede, e le autorità di vigilanza sulla borsa, Consob, sulle assicurazioni, Ivass, e sui fondi pensione, Covip) che avrà come compito la “salvaguardia della stabilità del sistema finanziario”.

Servizi bancari e finanziari, via libera del Senato alle direttive europee ultima modifica: 2016-07-29T22:09:11+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: