Setefi, Gruppo Intesa Sanpaolo, ha aderito al circuito di pagamento francese “Cartes Bancaires”

Con questa scelta strategica, prosegue la nota, la società rafforzerà la sua capacità competitiva sul mercato estero. I primi a beneficiare dell’accordo saranno i grandi marchi italiani del “made in Italy” che operano in Francia con Pos Setefi, che potranno accettare pagamenti sul circuito “Cartes Bancaires”.

Saranno inoltre favoriti i francesi che si recano in Italia per turismo o per lavoro. I titolari di carte aderenti al circuito “Cartes Bancaires” potranno infatti pagare con facilità e in completa sicurezza i loro acquisti presso i negozi con PosSetefi. Maurizio Manzotti, amministratore delegato e direttore generale di Setefi ha definito l’ingresso nel circuito “Cartes Bancaires”: “Un tassello importante, che rafforza l’operatività internazionale di Setefi, da oltre un anno presente con i propri Pos in Francia, Spagna e Svizzera e, prossimamente, anche in Portogallo, Regno Unito, Grecia, Olanda, Austria e Germania. L’adesione al principale circuito di pagamento francese è strategico per aumentare la competitività della nostra offerta sul mercato transalpino, che seguiamo con grande interesse viste le ampie possibilità di sviluppo”.

Setefi ha aderito ai principali circuiti nazionali e internazionali di pagamento: PagoBancomat, Visa, MasterCard, UnionPay,  Discover, Diners e Jcb. La società si propone agli esercenti come interlocutore unico in tutte le fasi del processo di incasso tramite Pos (installazione e manutenzione dei terminali, clearing e settlement con i circuiti di pagamento, regolamenti contabili, servizio di assistenza ed help desk). Setefi gestisce inoltre direttamente 300.000 POS e oltre 12 milioni di carte di pagamento emesse dal Gruppo Intesa Sanpaolo, compreso il servizio di prevenzione frodi e l’help desk “24/7”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Leggi il comunicato

Setefi, Gruppo Intesa Sanpaolo, ha aderito al circuito di pagamento francese “Cartes Bancaires” ultima modifica: 2013-06-14T17:37:08+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: