Siglato accordo tra Western Union e MasterCard per invio rimesse in Romania

Mastercard LogoWestern Union Company e MasterCard hanno formalizzato un accordo che consentirà di ricevere le rimesse inviate da qualsiasi parte del mondo sulle carte Maestro e MasterCard utilizzando gli sportelli bancomat in  Romania, uno dei principali mercati destinatari delle rimesse in Europa dell’Est.

Western Union, MasterCard e Banca Transilvania, si legge in una nota, si sono alleate, con una formula innovativa di partnership a tre, al fine di fornire a milioni di titolari di MasterCard la possibilità di ritirare le rimesse presso oltre 900 sportelli automatici di Banca Transilvania in Romania. Il servizio sarà attivo entro la fine dell’anno.

“Questo accordo fa parte della nostra strategia di ampliamento dell’offerta e potenziamento del canale bancario. Si tratta di una partnership unica nel suo genere che unisce la presenza globale di Western Union in 200 paesi e territori, la leadership di MasterCard nel settore dei pagamenti e la capillarità della rete di Banca Transilvania, il terzo istituto di credito del Paese”, ha dichiarato Odilon Almeida, presidente delle Regioni Americhe e Unione Europea di Western Union. “In un’epoca in cui velocità, comodità e affidabilità sono le priorità per chi usufruisce dei servizi di money transfer, siamo impegnati a rendere sempre più semplice il ritiro del denaro”.

Nulla cambia sul fronte del mittente: chi invia denaro potrà continuare a farlo utilizzando i contanti o le opzioni digitali. Mentre chi riceve in Romania, ora potrà utilizzare le carte Maestro e MasterCard per ritirare direttamente in contanti oppure caricare il denaro sulla carta.

La presenza dei romeni in Italia, prima comunità del nostro Paese per invio di rimesse

Secondo i dati dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) più del 16,5% dei romeni vive fuori dai confine della Romania. Un numero significativo risiede in Italia, Germania e Spagna, Paesi dai quali parte oltre il 50% delle rimesse verso la Romania. Secondo i dati di Banca d’Italia, nel 2014 la Romania ha scalzato dal podio la Cina ed è diventata il principale destinatario delle rimesse dal nostro Paese da cui sono stati inviati 876 milioni di euro in un anno.

I romeni in Italia sono diventati d’altronde una forte presenza fin dagli anni ’90. Secondo i dati Istat, al 31 dicembre 2011, i romeni residenti erano più di 968.000, pari a circa il 22,8% della forza lavoro straniera in Italia. Il ruolo dei lavoratori migranti è fondamentale in quanto con una parte dei loro guadagni  sostengono chi è rimasto a casa. Secondo i dati di Western Union oltre il 30% delle rimesse viene reinvestito in educazione. Il corridoio Italia-Romania è tra quelli chiave per Western Union in Europa e la società sta investendo in questo mercato rafforzando i canali elettronici. In particolare sviluppando i trasferimenti di denaro tramite bancomat.

“Con questa partnership vogliamo dimostrare come il potenziale della nostra tecnologia leader nei pagamenti possa essere sfruttato per sviluppare nuove applicazioni. Insieme a Western Union, stiamo creando una soluzione semplice ma innovativa che è stata progettata per consentire ai possessori di carte MasterCard e Maestro di ricevere in modo sicuro denaro da qualsiasi parte del mondo”, ha dichiarato Ann Cairns, presidente Mercati Internazionali di MasterCard.

“Siamo lieti di poter offrire ai nostri clienti in Romania la possibilità di accedere alle rimesse con ancora maggiore comodità”, ha dichiarato George Simon, President, Central Eastern Europe, MasterCard.

“Fornire ai nostri clienti un accesso comodo e veloce ai propri fondi è sempre stata tra le nostre priorità”, ha aggiunto Omer Tetik, ceo di Banca Transilvania. “La collaborazione con due leader mondiali nei loro rispettivi settori, quali Western Union e MasterCard, ci mette nella posizione di poterlo fare nel migliore dei modi”.

Leggi il comunicato

Siglato accordo tra Western Union e MasterCard per invio rimesse in Romania ultima modifica: 2015-06-23T16:49:30+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: