Società di mutuo soccorso: dalla Regione Lazio una nuova legge per sostenere chi ha più bisogno

CreditoIl consiglio regionale del Lazio ha approvato una nuova legge che prevede l’istituzione di un registro regionale per tutte quelle società senza scopo di lucro che vogliono aiutare e sostenere i propri soci che vivono delle difficoltà economiche. Possono occuparsi, ad esempio, di erogare dei contributi a chi rimane senza occupazione per lungo tempo o a chi deve sostenere delle spese mediche importanti.

Ristrutturazione e manutenzione degli immobili per interventi di conservazione e restauro del materiale storico-documentario e per gli arredi. Per questo obiettivo è stato realizzato un fondo specifico di 500.000 euro.

Contributi per iniziative sociali, socio-sanitarie, culturali ed educative. Per questo obiettivo è stato realizzato un fondo specifico di 250.000 euro con cui agevolare, ad esempio, anche convenzioni e accordi con Asl e gli altri enti del servizio sanitario nazionale per assistenza integrativa.

Solidarietà e assistenza, queste le parole d’ordine delle circa sessanta società di mutuo soccorso presenti oggi nel Lazio che svolgono diverse attività per sostenere i propri soci e i familiari in campo sociale e assistenziale.

“È uno strumento normativo utile – ha commentato il presidente Nicola Zingaretti – che regolamenta un settore vitale per tante persone. Con la nuova normativa tuteleremo e valorizzeremo la funzione sociale delle Società di mutuo soccorso e verrà inoltre istituito un Albo regionale”.

“Con l’approvazione odierna della legge sulla società di mutuo soccorso – ha sottolineato Mauro Buschini, assessore Rapporti con il Consiglio, Ambiente e Rifiuti – si valorizza il ruolo sociale delle società, importantissimo specie nell’attuale periodo di crisi che viviamo. Un ulteriore provvedimento, da parte di  questo consiglio, in sostegno dei ceti più deboli”.

Società di mutuo soccorso: dalla Regione Lazio una nuova legge per sostenere chi ha più bisogno ultima modifica: 2016-07-04T11:20:04+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: