Online le decisioni dell’Arbitro Bancario Finanziario

Le controversie hanno riguardato prevalentemente il sistema bancario, che ha assorbito l’87% circa dei ricorsi; seguono le finanziarie (7%) e Poste Italiane (4%). A meno dell’1 per cento si attestano le controversie relative a società finanziarie iscritte nell’elenco del decreto legislativo 1° settembre 1993 n. 385 all’art. 106. La distribuzione dei ricorsi risulta essere concentrata in capo a un numero ristretto di gruppi bancari. L’oggetto dei ricorsi riguarda principalmente problematiche relative a conti correnti, mutui e credito al consumo, carte di pagamento e trasparenza. La distribuzione territoriale per luogo di residenza del ricorrente evidenzia che il 44% circa dei ricorsi proviene dall’Italia settentrionale, seguita dalle regioni centrali (34%). Il sud contribuisce per poco più di un quinto del totale (22%).

Pienamente rispettati i tempi delle procedure: nessun ricorso infatti è stato deciso in ritardo e il tempo medio impiegato per istruire e decidere un ricorso è stato pari a circa due terzi di quello massimo consentito.

La sintesi dell’attività dell’Arbitro bancario.

Online le decisioni dell’Arbitro Bancario Finanziario ultima modifica: 2010-05-04T07:10:00+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: