Sotto inchiesta dodici promotori finanziari

Guardia di FinanzaI finanzieri del Nucleo Polizia Tributaria di Torino, su delega della locale Procura della Repubblica, hanno perquisito l’abitazione di un consulente finanziario, promotore per conto della Hsbc, filiale di Lugano. Il consulente, si legge in una nota della Guardia di Finanza, insieme ad altri complici avrebbe svolto abusivamente attività di raccolta del risparmio e promosso investimenti per conto e nell’interesse della banca privata elvetica, allo scopo di garantire ai pochi clienti percorsi difficilmente tracciabili dove poter far confluire somme di denaro provenienti da frodi fiscali.

Le indagini, coordinate dal procuratore aggiunto di Torino, Alberto Perduca, e dai sostituti, Marco Gianoglio e Vito Sandro Destito, traggono origine dall’analisi della cosiddetta “Lista Falciani 2”, acquisita mediante rogatoria internazionale.

Al momento, gli investigatori sono riusciti a individuare 12 promotori, impegnati in una trentina di città italiane, tra cui Torino, Milano, Roma, Varese, Genova, Brescia, e Trento. Le somme raccolte venivano poi trasferite e reintestate a favore di società “offshore”, con sedi in paradisi fiscali: Panama, Lussemburgo, Liechtenstein e Isole Vergini.

Le indagini nascono dall’esame della cosiddetta “lista Falciani” un elenco di nomi e conti che il dipendente infedele Hervè Falciani ha trafugato alla Hsbc per venderla al fisco francese. Nell’elenco sono presenti anche i dati di 7.000 italiani che hanno portato in Svizzera il proprio denaro per aggirare il fisco. Questi “contratti” tra Hsbc e risparmiatori sono stati però siglati in Italia, in 29 città diverse tra cui Milano, Varese, Brescia, Torino, Trento, Genova e Roma.

Sotto inchiesta dodici promotori finanziari ultima modifica: 2016-03-23T17:31:26+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: