Stefano Grassi, amministratore delegato Hpass, presenta la divisione MedioFimaa di Credipass e annuncia due accordi con importanti player del settore immobiliare e dei servizi

Stefano Grassi, Credipass“Il premio per la business strategy che ci è stato conferito ai Bond Street Awards è stato tanto inatteso quanto gradito. Si tratta di un riconoscimento importante del nostro lavoro, che per di più è avvenuto in un contesto in cui erano presenti realtà imprenditoriali affermate a livello internazionale. Pochi giorni prima, peraltro, eravamo stati premiati come una delle ‘100 Eccellenze Italiane’ a Montecitorio. Questi risultati da una parte ci dicono che quanto abbiamo realizzato fino a questo momento è stato accolto con favore e dall’altra ci spingono verso traguardi sempre più ambiziosi”. Stefano Grassi, amministratore delegato di Hpass, holding che detiene Credipass, Mediofimaa e altre società, racconta a SimplyBiz i progetti in cantiere per il prossimo triennio.

A partire dal primo gennaio Credipass comincerà a operare con una rete di 550 agenti, in cui saranno confluiti i collaboratori di MedioFimaa. Che aspettative avete?
L’operazione che abbiamo realizzato è stata importante anche per il mercato e per l’intero settore perché si è trattato di salvare una realtà importante come MedioFimaa, legata a una Federazione (Fimaa) di indiscusso valore e con una storia consolidata alle spalle. In questo modo abbiamo cercato non solo, come è normale, di fare i nostri interessi ma anche di fare qualcosa di positivo per tutto il mercato. Tecnicamente quello che succederà sarà l’acquisto da parte di Credipass del ramo d’azienda MedioFimaa, che sarà posta successivamente in liquidazione, ma che comunque resterà in piedi come brand. Nascerà cosi la Divisione MedioFimaa di Credipass. Entro il prossimo giugno puntiamo ad allargare ulteriormente la rete e ad arrivare a 600 collaboratori, per poi crescere ancora nel futuro. Voglio sottolineare che la fusione che abbiamo realizzato ha avuto un impatto positivo sui nostri rapporti con tutto il settore immobiliare. In otto mesi abbiamo avuto modo di incontrare e conoscere quasi 4.000 agenti immobiliari nel corso di convegni e incontri di formazione, presentando i nostri servizi e i nostri strumenti pensati per il settore del mattone. Posso affermare con soddisfazione che i riscontri sono stati molto positivi, da Trento a Trapani. Considerando che le agenzie Fimaa sono oltre 11.000 abbiamo ancora molto da fare e non vediamo l’ora di raggiungerle tutte.

Su cosa vi focalizzerete nei prossimi mesi?
Ci sono due direttrici fondamentali che seguiremo: da una parte dobbiamo lavorare per rafforzare i nostri legami con il settore immobiliare e dall’altra abbiamo la necessità di continuare a investire nel marketing e nello sviluppo dell’online, che riteniamo fondamentale. Sotto il primo profilo possono anticipare che stiamo definendo i dettagli di due accordi con importanti player del settore immobiliare e dei servizi.

Di chi si tratta?
Al momento non posso fare nomi. L’annuncio ufficiale sarà dato il 9 febbraio nel corso del nostro meeting aziendale a Roma.

Quali sono gli obiettivi di lungo periodo?
Continuare a crescere e affermarci come player di riferimento del settore. Inoltre nel 2020 vorremmo approdare in Borsa. Al riguardo abbiamo appena ceduto, come soci, il 10 per cento del capitale alla nostra holding, per consentire alla rete e ai dipendenti, in base a logiche di merito, di diventare azionisti della capogruppo, mantenendo l’ennesima promessa fatta alle nostre persone e creando un coinvolgimento e un senso di appartenenza ancora più profondi.

Stefano Grassi, amministratore delegato Hpass, presenta la divisione MedioFimaa di Credipass e annuncia due accordi con importanti player del settore immobiliare e dei servizi ultima modifica: 2017-12-22T09:58:41+00:00 da Paolo Tosatti

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: