Stress finanziario, N26: le situazioni più ansiogene per gli italiani e come alleviarle

Giovane pensieroro guarda fuori dalla finestraComprendere il ruolo del denaro e delle finanze nel generare ansia per fornire alle banche maggiori strumenti per aiutare i clienti a ridurre lo stress. È l’obiettivo di uno studio commissionato da N26, che ha classificato le situazioni più snervanti per il cervello umano, mostrando che le tensioni generate da problemi finanziari sono paragonabili all’angoscia associata a un evento traumatico della vita come una difficile separazione.

Lo scenario globale

La ricerca, condotta per la mobile bank dal neuroscienziato Jack Lewis, ha sottoposto un campione di 1.000 uomini e donne in Europa e negli Stati Uniti a un test di reazione implicita (irt). Lo studio ha permesso di determinare il livello di stress associato a una serie di circostanze comuni. Il test di reazione implicita è in grado di misurare anche gli atteggiamenti e le convinzioni a cui le persone sono riluttanti o che sono incapaci di ammettere.

Gli esperti hanno rivelato che lo stress di dover affrontare un divorzio o la fine di un rapporto (altamente stressante per il 91% del campione) è simile alla prospettiva di perdere un lavoro (90%) o al far fronte a una spesa inaspettata come sostituire una caldaia rotta (90%). A queste fonti di ansia seguono altre preoccupazioni legate al denaro, tra cui la mancata accettazione della carta di credito (88%) e il mancato pagamento del mutuo (86%).

La classifica italiana dello stress

Mentre gli Usa sono il Paese meno stressato, l’Italia, dove nella lista degli scenari più ansiogeni svettano proprio quelli legati a problemi finanziari – un mancato pagamento del mutuo (96%) e una multa inaspettata (96%) – ha il dubbio onore di essere in testa alla classifica, seguita dalla Spagna.

Tuttavia, se gli Italiani sono i più stressati in assoluto, la ricerca rivela anche che sono i migliori quando si tratta di ridurre il livello di ansia, così come misurato sperimentando gli scenari di riduzione dell’ansia previsti dall’esperimento. Lo scenario meno stressante o, meglio, più rilassante, si è rivelato essere l’ascolto della musica (96%), l’ottenimento di uno sconto (95%) e ricevere un complimento (94%), seguito dall’ottenimento di un bonus a lavoro (92%) e dal ricevere in regalo del denaro contante (91%).

Molto diverse le cause di stress per uomini e donne nel nostro Paese

Per gli uomini, nell’ordine, al primo posto il mancato pagamento del mutuo (97%), al secondo perdere il lavoro (90%), seguono eseguire un test covid (78%) ed essere scoperti a mentire (74%). 

Per le donne, invece, il pensiero di una caldaia rotta risulta essere lo scenario più angosciante (98%), seguito da una multa inaspettata, un mancato pagamento del mutuo, un divorzio o la fine di un rapporto, tutti classificati come stressanti dal 96% del campione.

Sempre in tema di differenze di genere, dalla ricerca emerge che le donne in tutti i Paesi si sentono più spesso stressate nel complesso, ma risultano meno angosciate da problemi finanziari (47%) rispetto agli uomini (58%).

Interessanti poi le informazioni raccolte dallo studio nella sfera sessuale. In Germania, gli under 44 hanno quasi il doppio delle probabilità di sentirsi stressati dal sesso (23%) rispetto agli over 45 (13%). In confronto, quasi 1 americano su 4 ha trovato il sesso stressante (22%). La nazione più fredda quando si tratta di sesso? Sorprendentemente l’Italia, dove solo uno su 10 (10%) trova il pensiero del sesso ansiogeno.

Le cinque situazioni più stressanti per gli Italiani

  1. Una multa inaspettata, 96% 
  2. Mancato pagamento di una rata del mutuo, 96%
  3. Rottura della caldaia, 95%
  4. Divorzio/fine di un rapporto, 95%
  5. Conflittualità/discussioni con familiari/amici, 94%

Le cinque situazioni meno stressanti per gli Italiani

  1. Ascoltare musica, 96% 
  2. Ottenere uno sconto, 95%
  3. Ricevere un complimento, 94%
  4. Ricevere un aumento, 92%
  5. Ricevere in regalo del denaro contante, 91%

 Lewis, neuroscienziato e autore del best-seller dedicato alle tecniche di auto aiuto “Sort your brain out”, commenta: “L’ormone dello stress studiato più accuratamente è il cortisolo, rilasciato dalle nostre ghiandole surrenali in risposta ai comandi inviati dal cervello, per affinare i tempi di reazione e focalizzare la mente per aiutare ad affrontare il problema. Se i livelli di cortisolo rilasciato nel flusso sanguigno risultano troppo bassi, le persone faticano a motivarsi. D’altra parte troppo cortisolo e si sentono perennemente agitati e pronti ad agire, ma incapaci di pensare lucidamente e di prendere buone decisioni. Per mantenere i livelli di cortisolo nella cosiddetta “Goldilocks Zone” il trucco è sapere quali tecniche di gestione dello stress funzionano meglio per ciascuno di noi, cercarne continuamente di nuove e, soprattutto, usarle quotidianamente. Quest’ultima parte è la più difficile da padroneggiare, soprattutto se si considera lo stress che tutti abbiamo subito nel corso dell’ultimo anno, che ha visto più conflittualità, più separazioni e una maggiore paura di perdere il lavoro e la propria fonte di reddito. Ma se troviamo il giusto equilibrio, possiamo riuscire a riprendere il controllo”.

Andrea Isola, general manager Italia E South East Europe di N26, aggiunge: “Il 2020 è stato un anno stressante per tutti e ci siamo sentiti tutti in tensione, costantemente. Con questa ricerca, abbiamo voluto comprendere quanto le preoccupazioni finanziarie influissero sulla vita di tutti i giorni e i risultati hanno dimostrato che la gente avverte molto la pressione. Quando si tratta di gestire lo stress, tutti hanno bisogno di metodi efficaci per affrontarlo. Proprio come una terapia o una vacanza rilassante possono aiutare ad affrontare una separazione, c’è bisogno di sostegno anche quando ci si si trova alle prese con problemi finanziari. Sfortunatamente, le persone sono spesso riluttanti ad aprirsi riguardo ai loro problemi con il denaro. Ecco perché il settore bancario deve essere più semplice, trasparente e flessibile. Noi di N26 riteniamo che sia nostra responsabilità aiutare i clienti a ridurre lo stress finanziario. Una ricerca come questa è importante per indicarci come e dove possiamo concentrare i nostri sforzi verso questo obiettivo ambizioso”.