Swift ed Eba Clearing danno il via alla fase di sviluppo di Euro1 per la migrazione allo standard ISO 20022

10

Swift LogoSwift ha annunciato l’avvio della fase di sviluppo con Eba Clearing per la migrazione di Euro1 (Large-Value Payment System) allo standard ISO 20022, segnando in questo modo un ulteriore passo del percorso evolutivo iniziato insieme lo scorso anno.

Le due organizzazioni lavoreranno con l’obiettivo di raggiungere la data di completamento a novembre 2021, in concomitanza con la migrazione a ISO 20022 della piattaforma TARGET2 dell’Eurosistema. Lo scopo è di allineare specifiche tecniche e scadenze per ridurre al minimo lo sforzo degli operatori di mercato durante la transizione e garantire lo scambio continuo infragiornaliero tra i due sistemi di pagamento in euro.

ISO 20022 crea un nuovo linguaggio e una nuova struttura di informazioni per le operazioni di pagamento, consentendo lo scambio di una maggiore mole di dati di migliore qualità che a loro volta migliorano l’efficienza, i controlli di conformità e la customer experience. I sistemi di pagamento di tutte le maggiori valute si stanno spostando verso questo standard e Swift ha messo in atto un solido programma per facilitare l’adozione a livello comunitario.

La migrazione allo standard ISO 20022 è un punto di svolta nel settore dei pagamenti, che apre molte possibilità. Siamo lieti di lavorare con Eba Clearing per sfruttare tutto questo potenziale ed espandere una partnership di innovazione che dura da due decenni – ha dichiarato Alain Raes, chief business development officer -. Gli utenti di Euro1 possono contare su di noi, li supporteremo in ogni fase e offriremo la stessa comprovata sicurezza, resilienza e affidabilità che sono i segni distintivi della rete Swift”.

Swift ha fornito la messaggistica per Euro1 ed ha operato il sistema gestito da Eba Clearing a partire dal suo lancio nel gennaio 1999.

La migrazione a ISO 20022 fa parte di un più ampio progetto di posizionamento futuro che le due organizzazioni hanno annunciato l’anno scorso in seguito ad una consultazione con gli utenti di Euro1. Il progetto intende evolvere Euro1 in linea con le aspettative degli utenti mantenendo al contempo benefici quali efficienza di liquidità, finalizzazione immediata di pagamento, efficacia in termini di costi e maggiore resilienza per i pagamenti di importo elevato. I primi risultati, inclusa una dashboard per migliorare le capacità di monitoraggio della liquidità degli utenti di Euro1, saranno implementati entro la fine del 2019.

Euro1, sin dal suo lancio nel 1999, ha comportato notevoli risparmi sui costi per i suoi partecipanti e, con la migrazione a ISO 20022, sarà in grado di continuare a farlo nel futuro – ha spiegato Erwin Kulk, head of service development and management di Eba Clearing –. Stiamo cercando di ridurre al minimo gli sforzi per i nostri utenti Euro1. Siamo lieti di essere pronti ad andare avanti con gli sviluppi del nostro sistema rispettando le scadenze e con il massimo allineamento a TARGET2, insieme ai nostri utenti Euro1 e al nostro storico partner tecnologico Swift”.

Euro1 è l’unico sistema di pagamento paneuropeo privato, per il regolamento in data valuta di pagamenti in euro di importo elevato ed è stato riconosciuto dalla Banca centrale europea come un sistema di pagamento di importanza sistemica (Sips).