Tecnocasa: focus sull’immobiliare turistico

Nel secondo semestre del 2010 le quotazioni delle case nelle località turistiche hanno segnalato una contrazione dello 0,5%. È l’immagine di un mercato sostanzialmente stabile quella che emerge dall’analisi del centro studi di Tecnocasa relativa al secondo semestre del 2010. Secondo l’indagine nelle località marittime del Centro Italia si è registrata una contrazione dell’1,1%, mentre nel Nord e al Sud la flessione dei prezzi si è fermata allo 0,2%.

Le regioni in cui si segnala un aumento dei prezzi sono la Calabria (+2,8%) e la Sicilia (+4,6%). In Puglia si registra un incremento dello 0,5%.
Restano invece stabili i valori in Liguria (+0,2%), Friuli Venezia Giulia (0%), Abruzzo (0%) e Basilicata (0%).
In diminuzione le quotazioni degli immobili in Emilia Romagna (-1,2%), Toscana (-5,7%), Campania (-3,4%), Molise (-1,6%), Marche (-1%),  Sardegna (-0,8%) e Lazio (-0,5%).

La ricerca della seconda casa interessa acquirenti che rientrano in un target di età compreso tra 45 e 64 anni – precisa una nota della società -. Quasi sempre ad acquistare sono famiglie che hanno ormai raggiunto una stabilità economica oppure pensionati che investono i loro risparmi per acquistare una casa al mare per se stessi oppure per i figli”.

La ricerca della seconda casa si orienta in particolare sui bilocali o piccoli trilocali (50-70 mq le metrature più apprezzate), dotati di spazi esterni (giardino, terrazzo o balcone/veranda). Importante la presenza della vista mare e della vicinanza al mare e del posto auto/box.

Tecnocasa: focus sull’immobiliare turistico ultima modifica: 2011-07-26T07:30:00+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: